porto-Santo-Stefano-640x597

E’ arrivata l’offerta per la costruzione del porto. I dettagli

Santo Stefano di Camastra – E’ arrivata l’offerta per la costruzione del porto. La MAEG Costruzioni SpA di Vazzola, in provincia di Treviso sarà il promoter dell’investimento di circa 70 milioni di euro legato alla progettazione, realizzazione e gestione del porto turistico.

La Maeg è un società di punta nel settore della progettazione, fornitura e posa in opera di carpenteria metallica medio e pesante. Realizza ponti e viadotti ferroviari e stradali, strutture per macchine ed edifici civili e industriali, dal Brasile all’Iraq, dal Qatar alla stazione Termini di Roma.

Santo Stefano ed un intero territorio festeggiano dopo 50 anni di attesa, il primo progetto del porto risale addirittura nel 1966. L’opera è integrata dalla rifunzionalizzazione dei palazzi comunali da destinare a struttura ricettiva, dalla realizzazione di un parcheggio alla spalle delle scuole elementari con la riqualificazione di tutta l’aria, l’accesso alla statale 113, il collegamento con l’area portuale mediante funicolare e la realizzazione di due tratti di strada per unire l’area portuale con il lungomare Ortora. I posti barca saranno 750.

Il progetto è stato redato nel 2006, quando era sindaco Carmelo Re, dall’ufficio tecnico del comune, con la firma del capo ufficio Francesco La Monica e dal professore Malandrino che ricevette l’incarico per la consulenza idraulico-marittima, studio evoluzione coste e gli elaborati per la procedura VAS (valutazione ambientale strategica). Dagli addetti ai lavori è considerata un’opera ambiziosa, del resto tra i project financing, è l’importo a base d’asta più “grosso” che l’UREGA abbia mai ricevuto dalla sua istituzione, nel 2005.

“Da domani si volta pagina – dichiara commosso il sindaco Francesco Re – si programma il futuro di una comunità e di un territorio che coniugano bellezze naturali con uno straordinario patrimonio di arte, cultura ed artigianato. Sarà anche il porto “della luce e della bellezza” dopo che alla realizzazione dello stesso contribuiranno gli artisti ed i designer di fama mondiale di Fiumara d’Arte. Sono tante le persone che vorrei ringraziare – prosegue il sindaco – ma in questo momento di gioia il mio pensiero va verso due in particolare: mio padre che mi ha insegnato ad amare il mio paese e la sua straordinaria gente e i giovani stefanesi ai quali da domani, guardandoli negli occhi potremo dire che anche qui, nel loro paese, potranno avere un futuro di speranza e di lavoro”. E mentre qualcuno brinda e qualcun altro ricorda la ricca marina stefanese, Carmelo Re che da sindaco salvò il porto dal dimenticatoio e da attuale presidente del consiglio lo vede crescere parla di “una storica aspirazione che prende corpo, l’apertura dell’autostrada nel 2004 chiuse un’epoca, per aprirne un’altra era necessaria il porto turistico. Ci stiamo riuscendo”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close