marcobocci_modigliani

Marco Bocci a Capo d’Orlando Teather. Non solo Scialoja e Calcaterra ma molto di più

Capo d’Orlando – Difficile non identificarlo come il Commissario Calcaterra di “Squadra Antimafia” o, ancora meglio, come il Commissario Scialoja della serie “Romanzo Criminale”. Marco Bocci però è anche, e soprattutto, altro. Lo abbiamo altre volte scritto di come un personaggio può “incastrare” un attore ma è stato facile intuire come, del resto, è proprio la notorietà che una interpretazione può dare, tanto da cucirsi addosso, che consente di poter sperimentare, provare altro, con un successo e seguito garantito.

L’Umbro di Marsciano, salirà sul palco del Teatro “P. M. Rosso di San Secondo” di Capo d’Orlando domani e sabato alle 21 per portare in scena la pièce “Modigliani. Modì Maudit”, testo insieme colto e popolare scritto e diretto da Angelo Longoni, ispirato alla storia del tormentato pittore livornese. Quella degli ultimi anni, di una vita parigina vissuta in uno dei momenti più dinamici e stimolanti del ‘900 europeo, all’insegna di libertà, bellezza, verità, amore. Queste le parole chiave del movimento d’artisti provenienti da tutto il mondo e residenti nei quartieri di Montmartre e Montparnasse.

Sì, perché lo spettacolo oltre a omaggiare l’autore delle donne dal collo lungo, celebra anche il mondo femminile e un intero periodo storico.

Quattro anche “le donne di Modigliani“: la prostituta Kiki de Montparnasse, la poetessa Anna Achmatova, la progressista Beatrice Hastings a cui sul palco prestano volto e corpo rispettivamente Giulia Carpaneto, Vera Dragone, Romina Mondello.

A loro, Amedeo preferirà l’amore maledetto e smisurato della giovane Jeanne Hébuterne (Claudia Potenza). Perché “non si può raccontare il geniale pittore senza descrivere le donne che lui ha amato e dipinto, la loro dolcezza, la loro impenetrabilità e sensualità. Quattro personaggi femminili che hanno scandito i diversi periodi della sua arte e della sua vita affettiva, terminata con una delle storie d’amore più famose e commoventi che abbiano mai riguardato un artista, un amore totalizzante e romantico dal gran finale tragico“. Come in Romeo e Giulietta, l’amore non può sopravvivere agli amanti.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close