marisa-bonina-bn

Pubblicato il bando per gli Alloggi Popolari

Brolo – Pubblicato all’albo pretorio del Comune di Brolo il bando per la formazione della graduatoria per gli aspiranti possessori degli alloggi popolari. A comunicarlo è l’Assessore Marisa Bonina, che ricorda che possono partecipare al concorso tutti coloro che aspirano all’assegnazione di un alloggio popolare, con l’avvertenza che trattandosi di bando generale tutte le graduatorie precedenti saranno annullate con la pubblicazione definitiva del presente Bando, infatti ai sensi dell’art. 26 della Legge n. 513/1977 saranno escluse tutte le domande presentate da soggetti che occupano senza titolo alloggi popolari.  ll canone mensile di locazione sarà quello previsto per legge.
Le domande relative al presente concorso debbono essere presentate perentoriamente entro le ore 13,00 del 60″ giorno dalla data di pubblicazione del presente bando sul sito istituzionale on-line del Comune di Brolo. Per i lavoratori immigrati all’estero residenti nell’area europea, il termine di cui sopra è prorogato a 120 giorni, mentre per i lavoratori residenti nei paesi extra europei, il termine è prorogato 150 giorni, per le domande inviate per posta farà fede il timbro postale di accettazione dell’ufficio postale ricevente. Indirizzo: Comune di Brolo – Area Tecnica – Via Dante, 98061 Brolo (ME). Le domande di partecipazione al presente concorso complete dei documenti richiesti, indirizzate al Comune di Brolo, dovranno pervenire, a mezzo raccomandata del servizio postale, ovvero mediante agenzia di recapito autorizzata, entro iltermine di cui al punto 3.1- ed all’indirizzo di cui al punto 3.2. E’ altresì facoltà dei concorrente la consegna a mano delle domande, entro lo stesso termine, dalle 9,00 alle 13,00, di tutti i giorni escluso il sabato, all’ufficio del protocollo del Comune di Brolo, che a richiesta rilascerà relativa ricevuta. Sulla busta dovrà essere indicata chiaramente la dizione “Graduatoria Alloggi Popolori”. Le domande di partecipazione al presente concorso, debbono essere compilate unicamente sui modelli, appositamente predisposti dal Comune di Brolo, in distribuzione presso l’Area Tecnica – sito in Via Dante del Comune di Brolo e pubblicati sul sito del Comune di Brolo www.comune.brolo.me.it

Non sono ammesse domande presentate utilizzando una modulistica differente.

La domanda contiene un dettagliato questionario cui ciascun concorrente, per le parti che lo interessano, è tenuto a rispondere con la massima esattezza e ad allegare i relativi documenti richiesti. Detto questionario è formulato con preciso riferimento ai 30.12.1972, n. 1035 e riguarda le condizioni ed i requisiti il punteggi previsti dalla richiamata disposizione legislativa. vari casi prospettati dall’art.7 del D.p.R. cui possesso dà diritto all’attribuzione dei

Le domande, eventualmente presentate in occasione di precedenti bandi, non sono valide agli effetti del presente concorso: pertanto chiunque intende partecipare al presente bando di concorso dovrà produrre apposita domanda.

La firma deve essere apposta in calce alla domanda e deve essere autenticata nei modi previsti dal 3″ comma dell’art 38 del D.P.R. N” 445/2OOO, quindi accompagnate da un documento di identità valido.

Le dichiarazioni non veritiere sono punite ai sensi della legge penale.

A norma dell’art.2 del D.P.R. 30112/72 n. l-035, i requisitiper partecipare al presente concorso sono:

a. Essere cittadino italiano o di un paese dell’Unione Europea o anche di altro Stato ma con residenza continuativa da almeno 5 anni in ltalia.

b. Avere la residenza o l’attività lavorativa nel Comune di Brolo; il requisito della residenza è soddisfatto anche se il soggetto partecipante è un lavoratore emigrato all’estero o è un militare di carriera che abbia indicato come comune di propria residenza quello di Brolo.

c. Non essere titolare di diritto di proprietà, di usufrutto, di uso o di abitazione su immobile, adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare, nel Comune di Brolo oppure in altra qualsiasi località del territorio nazionale. Un alloggio è da considerarsi adeguato se composto da un numero di vani, esclusi gli accessori, pari a quello dei componenti il nucleo familiare e comunque non inferiore a due e non superiore a cinque, e che non sia stato dichiarato igienicamente non idoneo dall’autorità competente.

d. Non occupare illegalmente un alloggio di edilizia residenziale pubblica.

e. Ammontare complessivo dei redditi prodotti nell’anno 201-5 dal richiedente nonché da tutti i componenti il suo nucleo familiare: non superíore ad € 15.03I,49,limite di reddito attualmente previsto per l’assegnazione degli alloggi dí E.R.P., fissato con decreto 05/03/201,5 n. 384 dal Dirigente Generale del Dipartimento Regionale delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti, pubblicato sulla G.U.R.S. del 03/0a/2015, parte In. 14. Per reddito, annuo complessivo del nucleo familiare, si intende la somma dei redditi fiscalmente imponibili di tutti i componenti del nucleo stesso diminuita di € 516,46 per ogni figlio che risulti essere a carico; qualora alla formazione del reddito predetto concorrano reddití da lavoro dipendente, questi, dopo la detrazione della aliquota per ogni figlio che risulti essere a carico sono calcolati nella misura 60%ai sensi dell’art.2 della L. 25/03/82 n,9a.

f. non abbiano ceduto, in tutto o in parte, al di fuori dei casi previsti dalla legge, I’alloggio eventualmente assegnato in precedenza, o non abbiano occupato senza titolo un alloggio di edilizia residenziale pubblica

I requisiti di cui ai capi c), d), e) e f) devono sussistere anche in favore dei componenti il nucleo familiare del concorrente.
Ai sensi dell’art. 15 del D.P.R. 1035/72,qualora prima della consegna dell’alloggio sia accertata la mancanza nell’assegnatario di alcuno dei requisiti prescritti o di alcuna delle condizioni che avevano influito sulla sua posizione in graduatoria, la consegna sarà sospesa e si procederà ad idonea istruttoria che potrebbe comportare I’annullamento dell’assegnazione.
Alla domanda devono essere allegati, per la determinazione del punteggio, i seguenti documenti:

l. Certificato o autocertificazione della cittadinanza italiana. I cittadini stranieri devono produrre dichiarazione sostitutiva di certificazione attestante la titolarità di carta di soggiorno e/o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con la quale si dichiari il regolare esercizio di attività di lavoro autonomo o di lavoro subordinato indicando il datore di lavoro.

2. Certificato o autocertifícazione d’iscrizione all’AIRE che attesti lo “status” di emigrante per il lavoratore emigrato all’estero.

3. Certificato o autocertificazione dello stato di famiglia (qualora sia in corso di separazione giudiziale o consensuale tra coniugi, occorre dimostrare tale situazione di fatto con provvedimento del Tribunale che pronuncia la separazione giudiziale ovvero che omologa la separazione consensuale dei coniugi).

4. Provvedimento del Tribunale che pronuncia la separazione giudiziale ovvero che omologa la separazione consensuale dei coniugi.

5. Copia del Modello LS.E.E. anno. 201-5.

 

per leggere tutto il bando : www.comune.brolo.me.it

responsabile del procedimento è il geometra Calogero Tripi dell’ufficio tecnico comunale

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close