Incontro PA

Incontro per gli acquisti in rete della PA

Mirto – Si è tenuto ieri pomeriggio, presso la Sala Consiliare di Mirto, un incontro con tutti i commercianti, gli imprenditori, gli artigiani e le ditte, aventi sede e operanti sul territorio comunale. La riunione è stata convocata per discutere degli acquisti in rete della PA (Pubblica Amministrazione) da parte di privati mediante strumenti e piattaforme elletroniche. Tutte le Amministrazioni sono tenute ad operare così, visti gli obblighi sempre più stringenti di ogni Ente comunale di provvedere all’acquisto di beni, servizi e lavori in maniera non più cartacea, ma tramite il mezzo elettronico.

L’incontro, che ha fatto registrare una buona partecipazione degli interessati agli acquisti in rete, si è tenuto alla presenza del Sindaco di Mirto Maurizio Zingales, del Segretario Comunale Dott.ssa Francesca Calarco, del Responsabile dell’Area Tecnica Ing. Giuseppe Nastasi e del Responsabile dell’Area Amministrativa Dott.ssa Rosangela Rappazzo.

Il Sindaco Maurizio Zingales ha spiegato in breve le novità, dovute all’utilizzo di una piattaforma elettronica: “Questa importante novità degli acquisti in rete non riguarda i servizi o gli appalti sotto una determinata somma (meno di 1000 euro); infatti gli acquisti in questo caso sono consentiti anche senza la piattaforma elettronica. Se invece viene superato il tetto dei 1000 euro gli acquisti devono essere effettuati e inseriti all’interno del MEPA (Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione). Il commerciante o imprenditore locale che si iscrive su questa piattaforma elettronica può avere anche una visibilità a livello nazionale, infatti si entra così all’interno di un circuito nazionale. Per favorire gli imprenditori locali, inoltre, noi come Amministrazione stiamo pensando di inserire, all’interno della App comunale, le aziende con tutti i dati e le informazioni”.

Il Segretario Comunale Francesca Calarco sottolinea invece: “Quello degli acquisti in rete è diventato un obbligo, da un paio di anni, per tutte le Pubbliche Amministrazioni. Le ASL, i Comuni, le Province e le Regioni sono tenute a rispettare questi obblighi di trasparenza. Si tratta di una piattaforma, di un sito internet, in cui si presenta la propria offerta. Chi non è iscritto a questo portale non può accedere ai bandi e agli appalti del Comune. Anche i dialoghi tra gli amministratori e le ditte avvengono tutti all’interno di questa piattaforma. Si consiglia di utilizzare CONSIP (Concessionaria Servizi Informativi Pubblici), considerata la Centrale acquisti della Pubblica Amministrazione Italiana, dal momento che è un servizio gratuito ed è gestito dal Ministero dell’Interno. Ci sono comunque molte altre piattaforme elettroniche a pagamento. L’indicazione è quella di iscriversi su questo sito generale, gratuito, e poi vedere e valutare le varie scelte”.

L’Ing. Giuseppe Nastasi mette in evidenza il rapporto che si crea tra Amministrazione e ditte: “Le ditte e gli imprenditori locali adesso per l’acquisto di servizi e forniture devono iscriversi al MEPA, in modo da poter essere scelti dal Comune di riferimento. L’iscrizione al portale è abbastanza complessa, quindi si consiglia di recarsi da un consulente di fiducia”.

La Dott.ssa Rosangela Rappazzo aggiunge: “Gli imprenditori nell’iscrizione al portale devono presentare tutte le autodichiarazioni e le informazioni relative alla propria ditta, con in allegato la firma digitale. Bisogna caricare tutti i dati e le ditte che si possono iscrivere sono solo quelle in regola, che hanno pagato le tasse e versato i contributi”.

 

 

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close