Thomas-De-Min-400x175

UPEA: VA VIA ANCHE DE MIN


Come da noi anticipato questo pomeriggio, l
Orlandina Basket comunica di aver risolto consensualmente l’accordo con l’atleta Thomas De Min.
Dopo la partita di domenica, nella quale non è entrato in quintetto (al suo posto il giovane Damiani) e in 21 minuti ha totalizzato 2 punti, 4 rimbalzi, 2 palle perse e 0 di valutazione, il lungo di San Vito al Tagliamento ha chiesto di lasciare Capo d’Orlando resosi conto che non stava giocando ai suoi livelli e non stava soddisfacendo le aspettative della società.
“La posizione della società è stata quella di assecondare la volontà dell’atleta – ha dichiarato Giuseppe Sindoni questo pomeriggio in conferenza stampa -, non credo che De Min fosse il problema di questa squadra, ha avuto problemi fisici e tattici sin dall’inizio, la difesa non era la sua caratteristica principale e lo sapevamo da principio, ma purtroppo Thomas non è riuscito a dare quello che poteva a livello offensivo”.

Dopo la cessione del giovane Simone Casati annunciata solo ieri, per il quale era impossibile trovare minuti vista l’abbondanza di giocatori esperti nel ruolo di piccoli, arriva un’altra separazione per l’Upea.
Adesso l’Orlandina torna nuovamente sul mercato, in cerca di un “4” che possa anche giocare qualche minuto da “5” e che non modifichi gli equilibri della squadra.
Presente in sala interviste anche Gionata Zampolli, evidentemente deluso per i fischi del pubblico in seguito alla sconfitta casalinga contro Siena di domenica. “Non siamo sicuramente stati belli da vedere, ma venivamo da 5 vittorie consecutive, due delle quali fuori casa e anche molto difficili e credo che prima di avere certe reazioni bisogna guardare la situazione in generale. Ogni partita ha la sua storia, bisogna prepararsi sempre al meglio, siamo stati deludenti nell’ultimo quarto, e sicuramente questo non è piaciuto al pubblico. Il PalaFantozzi negli anni è diventato inespugnabile perché c’è sempre stato un attaccamento alla squadra, ma nell’ultimo quarto sembrava che fossimo a Siena, non a Capo d’Orlando, gli arbitri ci hanno fischiato 7 falli contro i 2 fischiati ai toscani. Siena domenica ha dimostrato di voler vincere, mentre forse noi in settimana abbiamo pensato più al fatto che la gara potesse essere posticipata che a concentrarci sulla partita e questo può aver frenato la nostra carica agonistica. Ma questo non è un alibi e abbiamo meritato di perdere”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close