Unioni civili: sì testo base Cirinnà, asse Pd-M5s

All’unanimità via libera alle unioni civili

Tusa – Il consiglio comunale ha approvato il regolamento per l’istituzione del Registro delle Unioni Civili. E lo ha approvato all’unanimità. La proposta di deliberazione ha la firma dell’assessore Domenico Grillo. Ancora una volta, l’amministrazione guidata da Angelo Tudisca compie scelte importanti, dimostrando di andare oltre la gestione dell’ovvio e la sufficiente programmazione.

Il disegno di legge sulle unioni civili ha scatenato polemiche, reazioni e guerre ideologiche. Il primo articolo della legge istituisce le unioni civili per le persone dello stesso sesso, il secondo regolamenta la convivenza. Secondo il testo della legge le coppie omosessuali avranno gli stessi diritti e doveri delle coppie eterosessuali unite in matrimonio: collaborazione nella vita comune e reciproca assistenza morale e materiale, scelta del regime patrimoniale tra comunione e separazione dei beni, in caso di morte uno dei due coniugi può ereditare beni, subentrare in un contratto d’affitto e ricevere la pensione di reversibilità.

Il sindaco di Tusa Angelo Tudisca ha così motivato la scelta della sua amministrazione: “l’istituzione del registro delle unioni civili non rientrava tra i punti programmatici, ma come amministrazione abbiamo ritenuto opportuno vedere riconosciute tutti quelle forme di legami affettivi che non si concretano o non si possono concretare nell’istituto del matrimonio ma che si palesano per una convivenza stabile e duratura. Siamo consapevoli – conclude Tudisca – che si tratta di un’iniziativa simbolica ma auspichiamo che venga colmata la lacuna legislativa. Con questo atto Tusa dimostra, ancora una volta di essere inclusiva rispetto a tutti i componenti della sua comunità e si avvicina all’Europa prima di quanto fatto dal Governo centrale”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close