Un auto della Guardia di Finanza.
ANSA/CESARE ABBATE

Arrestati direttore e funzionario Agenzia Entrate

Agrigento – La guardia di finanza di Agrigento ha eseguito un’ordinanza cautelare per 15 indagati in un’inchiesta sull’iter di alcune pratiche all’Agenzia delle entrate. Tra gli indagati, per corruzione e falso, anche un funzionario, Vincenzo Tascarella, arrestato, e l’ex dirigente della direzione regionale delle Entrate di Palermo e da inizio 2014 direttore provinciale a Agrigento, Pietro Pasquale Leto, ai domiciliari con braccialetto. Indagato anche Marco Campione presidente di Girgenti Acque. “E’ grave il fatto che fra le misure cautelari eseguite oggi, 8 persone sono dell’agenzia delle entrate. Impiegati, funzionari che anziché compiere il loro dovere, facevano di tutto per favorire gli interessi degli imprenditori. Ed è grave che vi fosse anche il direttore”. Lo ha detto il procuratore capo di Agrigento, Renato Di Natale, durante la conferenza stampa per illustrare i dettagli dell’operazione “Duty Free” che ha permesso di eseguire 15 misure cautelari per le ipotesi di reato di corruzione, truffa aggravata ai danni dello Stato, abuso d’ufficio, assenteismo. Gli uffici della pubblica amministrazione, dell’agenzia delle entrate di Agrigento coinvolti, secondo quanto ha reso noto la Guardia di finanza, sono: la direzione, l’ufficio controlli-area accertamenti, l’ufficio legale e l’ufficio accertamento della direzione regionale delle entrate di Palermo. Oggetto del “mercimonio” – spiegano dalla Guardia di finanza di Agrigento – sarebbero state le informazioni su controlli eseguiti o da eseguire, l’insabbiamento degli accertamenti induttivi su verbali già elevati e l’immotivato annullamento dei procedimenti tributari. Su tutto questo s’è concentrata l’attività di verifica della guardia di finanza.

www.ansa.it

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close