Patti_corrente_renziana

L’onorevole Gullo e l’addio al Pd. A Patti scricchiola la corrente renziana

Patti – «Non è una scelta istintiva, ma ponderata nell’interesse generale». Queste le parole dell’onorevole Maria Tindara Gullo, di recente transitata nelle fila di Forza Italia insieme a Francantonio Genovese. Stando alle dichiarazioni della parlamentare, la decisone di lasciare il Pd e di aderire al partito di Berlusconi risiederebbe nell’impossibilità di incidere su un’attività governativa «sempre appiattita sulle scelte del Premier», compresa quella «più dolorosa di fare carne da macello di un uomo mite come Francantonio Genovese, colpevole solo di essersi trovato a dover affrontare un problema giudiziario poco prima delle elezioni europee».

A Patti la notizia ha suscitato parecchio stupore. E c’è già chi ipotizza una frattura insanabile all’interno della corrente renziana (maggioritaria in consiglio comunale), soprattutto in vista delle prossime amministrative di primavera. Il primo a prendere le distanze dalla Gullo è stato proprio il cugino Luigi, ex consigliere provinciale ed ex candidato alla poltrona di primo cittadino nel 2011. Eloquente un suo post su facebook: “Democratico, sempre. Mai slogan fu così opportuno.. nel dubbio, per chi ne avesse!».

Ma è in seno all’assise cittadina che verranno adottate le scelte più determinanti per gli equilibri politici della città. Attualmente la corrente renziana è rappresentata in consiglio da Nino Gigante, Federico Impalà, Filippo Tripoli e Pasqualino La Macchia. Secondo alcune indiscrezioni, quest’ultimo sembrerebbe il più propenso a rimanere nel centrosinistra. Ma si tratta solo di supposizioni: per i quattro fedelissimi ogni riserva verrà sciolta a tempo debito, così come ha lasciato intendere il consigliere Tripoli: «Trovandomi fuori Patti per motivi di lavoro, ho appreso la notizia dai giornali. La cosa era nell’aria, ma non credevo si concretizzasse con tale celerità. Riconosciamo il ruolo di grande importanza rivestito dall’onorevole sul territorio, ma ad ogni modo la scelta verrà da tutti valutata con calma e nelle sedi opportune».

Giuseppe Giarrizzo

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close