elipista brolo

L’elipista nei prossimi fondi europei 2014/2020?

Brolo –  “La revoca del finanziamento per l’elisuperficie non si usi come strumento contro la nostra amministrazione” così il Sindaco di Brolo Irene Ricciardello sul dietrofront del dipartimento regionale di Protezione Civile circa i fondi datati 2011 e annuncia che l’Amministrazione da lei guidata è riuscita ad ottenere importanti rassicurazioni da parte di un importante rappresentante del dipartimento della Protezione Civile regionale, l’ Ing. Calogero Foti,  sul fatto che il progetto verrà contemplato nell’ambito della programmazione dei fondi europei 2014/2020.

Nel nel decreto stesso di revoca, come motivazione, si fa esplicitamente riferimento alla diffida/sollecito Prot. 16209 del 12.03.2014 in cui il Dirigente del Servizio Ricostruzione del DRPC dava perentoriamente ,al Comune di Brolo, 15 giorni per avviare tutte le procedure di gara per l’affidamento del lavori pena la revoca del finanziamento.

Gara, che sebbene avviata nella fase relativa alla raccolta delle manifestazioni di interesse, non ha mai preso il via proprio per la carenza del nullaosta sul passo carrabile.

Inoltre, il progetto esecutivo, prima di essere approvato in linea tecnica ed amministrativa, doveva essere dotato di tutti i pareri che, nel caso di specie, avrebbero dovuto includere anche il nulla osta all’accesso all’elipista (passo carrabile) da parte dell’ente proprietario (Ministero dei Trasporti – ANAS) o, per esso, da parte dell’ente gestore (CAS – Consorzio per le Autostrade Siciliane).

Questo passaggio, incredibilmente, non fu affrontato prima dell’approvazione del progetto il quale, dunque, è risultato sin dalla sua genesi incompleto e viziato.

A tali gap,negli anni, si è cercato di mettere una toppa attraverso numerosissimi solleciti e proposte che evidentemente non hanno prodotto i risultati sperati.

Da parte nostra – prosegue la Ricciardello – “essendoci insediati solo nel giugno 2014, non possiamo essere accusati di manchevolezze né in quanto a carenze tecniche del progetto né sull’iter seguito dal novembre 2011 (data del finanziamento del progetto) al 27 marzo 2014 (data ultima per l’avviamento della gara di affidamento lavori)Ma per quanto di nostra competenza in questo anno e mezzo abbiamo sollecitato, incontrato, scritto decine di volte sia all’Anas che al CAS, per cercare di sbloccare la situazione, spingendoci anche ad adottare una delibera di giunta con la quale manifestavamo addirittura l’interesse all’acquisizione  della bretella tentando così di risolvere la vertenza in via definitivaTutto ciò considerato, compresi gli sforzi di questa nostra amministrazione, purtroppo non sempre andati a buon fine, siamo però riusciti ad ottenere importanti rassicurazioni da parte del numero uno del dipartimento della Protezione Civile regionale, Ing. Calogero Foti,  sul fatto che il progetto verrà contemplato nell’ambito della programmazione dei fondi europei 2014/2020“.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close