MANIFESTO_JAZZ_02pp

JAZZ WINTER: ESCLUSO IL CROSS ROAD E TRIPLO DI COSTI RISPETTO UN ANNO FA. MILONE SPIEGA I MOTIVI


La rassegna Jazz, giunta alla seconda edizione, partirà il prossimo 27 gennaio ma le polemiche, sull’organizzazione di questa edizione, non mancano. Andiamo con ordine. Lo scorso anno la rassegna è stata voluta dal Comune in compartecipazione con l’associazione Cross Road Club di Capo d’Orlando. Il costo, per l’Ente, è stato di 7.500,00€ mentre la rimanenza dell’importo complessivo veniva versato dall’associazione presieduta da Nino Letizia che comunque aveva garantito gli introiti dello sbigliettamento. Quest’anno le spese per l’organizzazione dell’evento sono tutte a carico del Comune per totali 27.500,00 € circa affidando la programmazione al Brass Group di Palermo. L’Ente comunale, per questa edizione, ha tenuto per se anche gli incassi degli spettacoli. Ma se lo scorso anno, con un cartellone di tutto rispetto, gli incassi no hanno superato gli 8.000,00€ perché quest’anno si è deciso di spendere così tanto?

Lo abbiamo chiesto all’assessore al turismo Rosario Milone che ci ha confermato come “quello della collaborazione con il Brass Group di Palermo è un vero e proprio investimento a lungo termine. Crediamo, ha continuato Milone, che soltanto così possano nascere nuove collaborazione che aprono le porte a manifestazioni future di tutto rispetto. Per garantire una ottima continuità alla rassegna Jazz, conclude l’assessore, abbiamo scelto il meglio che la Sicilia poteva offrire come organizzazione anche grazie al consiglio del buon Nino Letizia. E’ possibile che il prossimo anno coinvolgeremo di nuovo il Cross Road Club, magari con il Brass Group, perché stiamo cercando di sperimentare nuove collaborazioni e pianificare in anticipo gli eventi futuri“.

Secondo la delibera approvata dalla Giunta Comunale del 30 dicembre 2011 “viene acquisita “dalla “Fondazione the Brass Group” con sede in Palermo -via dello Spasimo n.15, la rassegna concertistica di musica jazz denominata “Musiche del nostro tempo” da svolgersi presso il Cineteatro Comunale in 4 appuntamenti; La spesa relativa all’acquisizione dei concerti della Rassegna è di € 18.150,00 (iva inclusa) più € 5,000,00 per impianti di amplificazione, luci, backline e noleggio pianoforte per un totale di € 23,150,00; Stabilisce che il biglietto d’ingresso viene fissato in € 12,00 (Platea) e di € 10,00 (Galleria) , abbonamento ai 4 spettacoli € 40,00 (Platea) e di € 30,00 (Galleria); Introita l’incasso a botteghino al Titolo 3 Categ. 1 Ris. 3200 “Proventi per spettacoli e manifestazioni” dell’entrata del corrente bilancio; Impegna, altresì, la somma di € 4.000,00 per spese di logistica ed oneri SIAE“.

Abbiamo anche sentito il presidente del Cross Road Club, Nino Letizia, che ci conferma di aver presentato anche quest’anno la domanda di concessione dell’organizzazione della manifestazione, uguale a quella dello scorso anno e cioè proponendo una spesa complessiva al Comune di 7.500,00€ ma che non è stata accettata.

La passata edizione ha visto, tra gli altri, l’esibizione di Francesco Cafiso, uno dei migliori jazzisti italiani; di Larry Willis che ha aperto quest’anno il Jazz festival di Catania e che è stato selezionato come testimonial dei pianoforti Fazioli, i più pregiati al mondo; gli Andromeda Turre che hanno inaugurato la rassegna messinese quest’anno. Insomma un cartellone di tutto rispetto per una spesa ragionevole. Valutando quello di quest’anno possiamo tranquillamente dire che, quantomeno, non supera quello passato ma mantiene standard decisamente alti. Previsti infatti i concerti del 27 gennaio della Orchestra Jazz Siciliana, il 17 febbraio Bepi Garsia, il 22 marzo Nicole Sasser quarter ed il 22 aprile Belinda Underwood quartet.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close