autonomia_pp

RITROVATA POESIA RISALENTE ALL’AUTONOMIA DI CAPO D’ORLANDO. CHI E’ L’AUTORE ?


Una posia in dialetto, risalente, con ogni probabilità, agli anni dell’autonomia di Capo d’Orlando dal Comune di Naso, è giunta alla nostra redazione con la richiesta di pubblicazione per cercare di scoprirne l’autore e la reale data di composizione. Dei versi che riportano al 1925 quando, dopo la forte agitazione popolare culminata nella protesta per la sepoltura di “Don Cicciu Paparuni” al cimitero di San Martino, Capo d’Orlando ottenne la propria autonomia dal Comune di Naso. In effetti i primi versi della poesia, di seguito riportata, indicano il 22 settembre del 1922 come data dell’avvenuta consapevolezza, da parte dei nasitani, della rivolta popolare orlandina. “Li nasitani chi manciuna sunnu, permettunu milli cosi e nenti fannu, dissiru ddu jornu: Veru sarrivultò Capo d’Orlandu e li capoti sunaru lu cornu a tempu a tempu, tutti cosi fannu e scrissuru a Missina appena jornu …”. Chi ha inviato alla nostra redazione il componimento si chiede, dopo averlo rinvenuto, chi sia stato l’autore e a quando risale. E’ probabile che qualcuno sappia qualcosa in più e per questo ci rivolgiamo alle memorie storiche orlandine e nasitane. A leggere il meraviglioso componimento sembra proprio che si tratti di un rimpianto, rivolto agli abitanti di Naso, per aver fatto poco nell’opporsi alla protesta orlandina. Ringraziamo il signor Mario Paparone e speriamo che a questa splendida poesia venga dato un autore e che venga ripresa per rafforzare la culutra e la storia dei due paesi a partire proprio dai più piccoli.

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close