bartocci - loubeau-2

Barcellona comincia da Agropoli

BARCELLONA P.G. – Parte da Agropoli l’avventura del Basket Barcellona nel prossimo campionato di Serie A2 Ovest. “Siamo arrivati al momento che aspettavamo da quando abbiamo cominciato – ha affermato nella tradizionale conferenza pre partita il capo allenatore Maurizio Bartocci – Sicuramente ci sarà grande emozione e tensione in una squadra giovane che ha prodotto tanto in questo mese e mezzo. Adesso siamo chiamati a mettere tutto in pratica. Alla prima di campionato abbiamo subito uno scontro diretto ad Agropoli e sappiamo che ci aspetta una partita dura e difficile su un campo infuocato e molto caldo. Da parte nostra metteremo tutta l’energia possibile e cercheremo di dare il massimo, come abbiamo fatto sempre in questo precampionato”. Un precampionato culminato con la vittoria del Trofeo Sant’Ambrogio: “Ci inorgoglisce, ma sappiamo bene che è solo precampionato – taglia corto Bartocci – però è stata utile per darci fiducia nel lavoro che stiamo svolgendo quotidianamente”. Il tecnico giallorosso passa poi ad una rapida analisi del roster avversario: “Agropoli sicuramente ha tanti giocatori esperti, come Santolamazza che ha fatto tanti campionati di serie A. Roderick è un americano importante che gestisce tanti palloni durante la partita. E poi ci sono Tavernari e Trasolini. Insomma hanno un quintetto competitivo e in più giocatori come Carenza e Spizzichini. Una squadra con tante alternative e tanta qualità. Credo poi che in casa loro giocheranno con un’energia importante e una marcia in più”. La difesa come punto cardine? Bartocci non dribbla la domanda e risponde diretto: “Se vogliamo competere con chiunque, dobbiamo avere un’identità difensiva seria. Questo è stato il nostro obiettivo per il quale abbiamo lavorato molto di più nell’arco di questo campionato. Se riesci ad essere bravo in difesa, riesci a dare un po’ più di ritmo in attacco. Giocatori come Roderick vanno difesi di squadra con grande collaborazione e grande aiuto”. Infine, un’analisi del campionato alle porte: “Credo che ci siano 5-6 squadre fuori portata per tutte le altre, altre 4-5 che possono aspirare ai play off e un’altra fascia di squadre che dovranno lottare ogni partita per metterne tre dietro. Poi ci sarà come al solito la sorpresa del campionato che andrà meglio di quanto si pensi adesso. Il nostro primo obiettivo- prosegue il tecnico- deve essere quello di mettere tre squadre dietro di noi. Dobbiamo essere umili e volare basso per toglierci qualche soddisfazione, non dobbiamo avere la presunzione di ritenerci meglio di quello che siamo”. Più ambiziose le dichiarazioni del talento americano David Loubeau: “Sento la responsabilità di dover comunicare alla squadra la voglia di vincere. Accanto a me ci sono giocatore come Lenzelle Smith e Franco Migliori che mi aiuteranno in questo contesto. Per me possiamo arrivare ai play off e ritengo anche di poter lottare per vincere il campionato. Sono qui per questo. Credo che ci siano tutti gli ingredienti e l’esperienza necessari per fare bene. Durante gli scrimmage che abbiamo disputato ho riscontrato molti elementi positivi e mi sento di collocare la nostra squadra tra le migliori del campionato. La cosa importante per noi sarà creare una giusta chimica di squadra. Anche i miei compagni sono convinti di poter fare bene. Del resto, appunto, siamo tutti qui per questo”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close