Sbarchi a Messina. La Polizia arresta altri due scafisti

Messina – Ancora uno sbarco a Messina. 225 uomini, donne e bambini sono stati accolti e rifocillati ieri mattina, al molo Marconi. Dopo i rilievi fotografici ed aver declinato le proprie generalità, i migranti sono stati accompagnati presso i centri d’accoglienza cittadini. La Squadra Mobile messinese ha poi continuato a lavorare per riuscire ad individuare chi era alla guida dei due diversi gommoni individuati e soccorsi dalla nave militare irlandese L.E. Niamh il 22 ed il 23 agosto scorsi.

Stavolta i racconti di chi ce l’ha fatta arrivano per lo più dalla Nigeria, dal Gambia e dal Senegal. Spesso emerge l’inquietante presenza di Boko Haram e la conseguente necessità di scappare in ogni modo dalla terra d’origine per salvarsi la vita. Viaggi funambolici lunghi mesi, a volte anni; rifugi di fortuna, lavori saltuari fino all’accordo per raggiungere l’Italia.

IBRAHIM YEBOAH

300 euro in media è il prezzo pagato stavolta. La prassi della sosta per più giorni in capannoni, dove i migranti in attesa di partire sono rinchiusi e controllati a vista da uomini armati, è stata rispettata anche in questa occasione.

Poi calci e pugni affinché tutti salgano sulle differenti imbarcazioni. Un’unica raccomandazione: “Non giratevi mai e guardate avanti”. E quindi la traversata lunga giorni senza cibo, acqua e salvagente.

Al momento sono due le persone individuate dagli investigatori della Mobile come responsabili del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sono IBRAHIM Sulfyman, nato in Ghana il 02.06.1963 e YEBOAH Francis, nato in Nigeria il 27.06.1997. Altre due persone sono state deferite in stato di libertà per il medesimo reato. Uno dei due ha 17 anni.

Print Friendly



Articoli Correlati

Close