buca consolare_PP

CONSOLARE ANTICA: AVEVA RAGIONE RENZINO BARBERA


Gli operai della Provincia Regionale di Messina, sono all’opera col restyling del manto stradale della Via Consolare Antica con l’intento di rattoppare le numerose buche apertesi a causa anche delle piogge di fine anno. La consolare antica che fu rimessa a nuovo l’ultima volta nel lontano 94 in occasione dei mondiali di ciclismo, passerà così dall’avere le sembianze di un colabrodo ad assumere nel migliore dei casi quelle di una coperta rattoppata. Un rimedio attenuante che la provincia sta eseguendo in attesa, (come annunciato dalla stessa nel maggio dello scorso anno)  del promesso intervento di rifacimento di tutto il manto stradale.  Buche, crepe dell’asfalto e rattoppi vari che rendono il manto stradale multilivello  non
solo sono un pericolo per la vita di chi transita ogni giorno le strade orlandine, mettendo a dura prova i materiali delle auto e la nostra pazienza, ma non danno certo un bello spettacolo per chi arriva in città. Ci eravamo un po’ abituati ormai allo slalom continuo e a quelle “scaffe” diventate poi quasi familiari, delle compagne di viaggio che a lungo tempo non ci hanno fatto sentir soli. Ma si sa le buche vanno, vengono e a volte ritornano, nonostante verranno coperte da uno strato di nuovo, se non si attuerà al più presto il rifacimento del manto si rischia con le prossime piogge che tornino a far capolino sotto le nostre auto. Come disse Renzino Barbera “ Sintissi amico mio, non mi dicissi camurrusu ma c’è purtusu e purtusu. La scaffa siciliana è un’altra cosa: scaffa che vale! Non è la scaffa usuale, settentrionale, che campa massimo ‘na simana e menza ed è senza esperienza. Noialtri abbiamo scaffe greche, scaffe Normanne, scaffe d’Aragona, E uno… ci si affeziona! “

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close