REGALARE CULTURA PER LA BEFANA, BROLO FA CENTRO


Tante iniziative ben riuscite a Brolo durante la festa della Befana, solidarietà e cultura le parole chiave delle giornate del 5 e del 6 Gennaio. Il 5 gennaio, la tombolata di beneficenza, giunta al quarto anno di vita, ha radunato famiglie da tutta la
costa, promuovendo una campagna di solidarietà volta alla piena integrazione ed al miglioramento delle qualità della vita di tutti coloro che sono affetti da Sclerosi Multipla. Sul palco a presentare la manifestazione, Angelo Lanna, responsabile dell’AISM di Messina, che ha ricordato come nel messinese siano solo Brolo e Falcone a partecipare a “trenta ore per la vita” sin dal ’93. Ad allietare l’evento, erano i “Wayout” di Sant’Agata di Militello, gruppo composta da Alessandro Barbaro,
Emanuele Fugazzotto, Stefano Napoli, Ilenia Lombardo e Maria Sole Calmiero. C’era emozione e commozione sul palco quando Maria Antonietta Contenta, presidente provinciale dell’AISM, ha ricevuto dai tre assessori comunali, Maria Ricciardello, Giuseppe Letizia, e Enzo Di Luca, dopo aver firmato, in diretta, il contratto, tra gli applausi dei presenti, le chiavi del sito di piazza Apollo, che ospiterà l’associazione dell’AISM per i prossimi tre anni. “Un momento di crescita per la collettività – dice Maria Ricciardello, l’assessore alla cultura brolese – che deve superare gli individualismi che spesso esistono, per illogiche paure, nelle stesse associazioni, perché insieme si può fare tanto, e solo l’unità può rappresentare il momento di svolta del mondo della disabilità in “provincia” dove tutto è più difficile.”

La stessa partecipazione e accoglienza, ha avuto un’altra iniziativa, che ha visto coinvolti bambini e studenti, giorno 6, giorno della Befana. Per il secondo anno consecutivo, l’amministrazione comunale, ha investito in cultura una buona parte della somma destinata alle manifestazioni natalizie, ed ha deciso di distribuire libri a volontà. Nei locali del cinema comunale, il primo venerdì di gennaio, i bambini hanno passato una giornata attiva e produttiva con spensieratezza. Già al mattino, infatti, erano organizzati giochi e animazioni, mentre i piccoli sfogliavano fumetti che trattavano di legalità, o si guardavano film d’animazione istruttivi. All’entrata il personale comunale dellaa Biblioteca, dell’Ufficio turistico, e degli uffici della Pubblica Istruzione, chiedevano ai bambini quale libro preferissero, – i volumi, oltre 500, erano stati scelti e selezionati per fasce d’età-. C’era chi, timidamente indicava il topolino detective Geronimo Stilton, chi invece prediligeva i classici della letteratura junior della Disney o, salendo di età, sceglievano il libro di Giorgio Napolitano “Una ed Unita” che parla della nuova Italia, oppure l’inossidabile “Alice ” di Lewis Carrol, o volevano scoprire Libero Grassi ed il suo “No alla mafia” realizzato a fumetti come la storia di Giovanni Falcone, o del Che Guevara  ( edizione Becco Giallo). Ma c’era anche uno spazio intelligentemente dedicato agli autori locali. La manifestazione, nasce dalla voglia e dalla necessità di educare le nuove generazioni al dialogo e alla lettura, all’informazione, e all’approccio col sapere per mezzo della carta stapata. Il messaggio dell’assessore alla Cultura Maria Ricciardello, più che ai bambini era rivolto alle famiglie e sembra esser stato recepito. Un’atmosfera serena, carica di buoni propositi e coerente con le altre manifestazioni organizzate dall’amministrazione brolese: turismo e cultura, istruzione e promozione del territorio.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close