municipio

IL BILANCIO DI SEI MESI: PROMESSE DISATTESE E QUALCHE CONTENTINO


Inizia un nuovo anno e, come spesso capita, è anche tempo di propositi e bilanci. A sentire le varie Amministrazioni, Sindaci e politici in genere, tutti nel 2011 si sono dati un gran da fare. Il bilancio che vogliamo invece evidenziare noi è relativo alle cose che non sono state fatte, soprattutto a Capo d’Orlando. Ma andiamo con ordine.

Tra le promesse non mantenute, ma sinceramente poco influenti, questa estate quella del Pullman scoperto rimane la più clamorosa. Pubblicizzato in pompa magna non è mai arrivato. Sembra per colpa di collaudi mancanti o per un piano viario non adeguato all’esigenza. Fatto sta che è stato sostituito con un trenino senza non poche polemiche. Tralasciamo la miss che non era miss e il mondiale di beach volley rivelatosi un torneo promozionale. Lo scarica barile tra Comune e Provincia legato alla pessima situazione nella quale versano arterie viarie principali come la Trazzera Marina e Via Consolare Antica ha, di fatto, peggiorato la loro praticabilità. In sostanza, in sei mesi, non è stato fatto assolutamente nulla. Bocciata dunque anche la Provincia sotto questo punto di vista che, peraltro, in campagna elettorale aveva mandato a dire che tutto sarebbe stato sistemato entro l’anno. Da non dimenticare l’accordo di programma stilato tra l’Amministrazione Comunale e i consiglieri di opposizione del PDL subito dopo la campagna elettorale. Tanti punti che evidenziavano criticità soprattutto a San Gregorio ma che forse hanno bisogno di maggior tempo per essere risolte.

La conferenza stampa

Il 18 Luglio del 2011 erano ripresi i lavori del cavalcavia che collegherà la via Finocchiaro Aprile e piazza Trifilò dopo la protesta del Sindaco che si era anche piazzato davanti al tribunale di Patti per far sbloccare il sequestro disposto dopo il crollo. Sono ormai conclusi da tempo ma l’apertura della strada non è ancora avvenuta. “Il cavalcavia che collegherà via Finocchiaro Aprile e piazza Trifilò non si è ancora aperto perché c’è un giunto che ha causato la frattura dell’asfalto – ci ha dichiarato il sindaco Sindoni – abbiamo chiesto alla ditta di sistemare tutto entro 60 giorni con una spesa di 20mila euro”. Sembra anche che ci siano probelmi di collaudo ma la notizia non è stata confermata, nè tantomeno smentita. Pare che proprio il collaudo di RFI abbia dato esito negativo e sembra a causa di alcuni fabbricati da parte di una società proprio nelle immediate vicinanze del cavalcavia.

Una delle vicende che maggiori polemiche hanno suscitato in questi ultimi sei mesi è stata decisamente quella legata alla realizzazione di nuove strutture sportive. L’annuncio del Sindaco che entro Dicembre del 2011 sarebbe stato ultimato il nuovo impianto a Pissi, vicino il Francesco Paolo Merendino, per ospitare soprattutto l’Esperia Handball, è rimasto disatteso. Nessuna struttura, nessun impianto e tutto ancora versa nel degrado più assoluto. Alla recente conferenza stampa lo stesso Sindoni ha dichiarato: “Il Credito Sportivo, che avrebbe dovuto versare 300 mila euro nelle casse dell’associazione «Il Tartarughino» è stato commissariato perché in gravi condizioni economiche. L’amministrazione ha già completato la pratica, adesso la fideiussione prevede un impegno non più a nostro carico, speriamo che a gennaio il Credito Sportivo possa versare queste somme per la realizzazione del campo di Pissi”. Sinceramente basta dare un’occhiata al sito internet del Credito Sportivo per capire che forse le cose non stanno proprio in questi termini ma sulla questione, nello specifico, torneremo nei prossimi giorni. Fatto sta che l’Esperia continua a giocare le gare casalinghe del campionato di A2 a Patti e dell’impianto nemmeno l’ombra.

Dopo la visita del 30 settembre scorso del Presidente della Regione Raffaele Lombardo per la firma dell’accordo di programma per il completamente del porto tutto è rimasto assolutamente fermo. A parte i tetrapodi che fanno ancora bella mostra sulla spiaggia di Bagnoli, il primo cittadino è stato costretto a disporre un intervento di somma urgenza proprio qualche giorno fa per difendere le imbarcazioni dei pescatori dal mare che continua ad entrare nella struttura portuale. Lavori disposti alla stessa società che dovrà completare il porto. A novembre del 2010 era stato proclamato il D-DAY con l’inizio dei lavori e l’annuncio che entro 24 mesi tutto sarebbe stato concluso. Ad oggi, ne sono passati 14 di mesi ma niente di nuovo se non lo slittamento della data di conclusione dell’opera per opera dell’Assessore Milone che ha dichiarato “Entro 30 mesi il porto sarà finito”.

Vogliamo fermarci qui in attesa di riprendere a visionare il prossimo consiglio comunale su internet per capire se ci saranno novità. Qualche contentino comunque è stato fornito alla cittadinanza soprattutto dopo le segnalazioni di 98071.it e dei nostri lettori. In effetti bisogna riconoscere che alcune manifestazioni hanno ottenuto grandi riscontri come la notte bianca, 105 on the beach e Fabri Fibra, anche se i presenti erano nemmeno 3000 e non 6000 come detto dall’Amministrazione. Che il nuovo anno porti maggiore impegno e trasparenza al fine di capire sino in fondo come realmente stanno le cose. Che il 2012 sia l’anno dei lavori pubblici come già detto dal Comune e che vengano risolte tutte quelle problematiche che giornalmente i cittadini sono costretti ad affrontare. Auguri di buon anno a tutti.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close