BILANCI E PROPOSITI PER SALVO MESSINA


Di rito, a fine d’anno, bilanci e buoni auspici per l’anno che verrà. Una formula alla quale non si sottrae Salvo Messina il sindaco di Brolo, e, li estende a tutto il popolo nebroideo, che insieme ai suoi concittadini si attende nel prossimo anno un “risveglio” e le attenzioni dei Governi. Salvo Messina dice che bisogna guardare con ottimismo, crederci, ancora una volta mettersi sotto, lavorare. Ma ci sarà ancora da “sudare” e gli enti locali, i piccoli comuni, come Brolo, a stretto contatto con il popolo, con i residenti, sapranno essere a loro vicini, al loro fianco. Parlando di bilanci Salvo Messina dice che sono sotto gli occhi di tutti, quello che si è fatto si vede, e che il paese è in crescita, a Brolo è cresciuto il senso di appartenenza, di solidarietà del vivere collettivo, questo risultato – per il sindaco – ripaga molto più di una sterile sequela di dati statistici. Per il futuro, Messina afferma che arriveranno le grandi opere, quelle attese da tempo e che sono il proseguimento ed il concretizzarsi dell’azione amministrativa dei mesi passati. In gara i lavori di consolidamento delle frazioni di Iannello basso e Iannello alto. Il completamento della scuola di piazza Roma, l’avvio dei lavori del palazzetto dello sport (gara già fissata e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana per il prossimo 25 gennaio) ; completamento dei lavori nella zona industriuale, comuniciati il primo dicembre, con i primi dieci capannoni che sembravano un miraggio e che oggiAggiungi un appuntamento per oggi potranno assicurare lavoro e occupazione, ed infine la realizzazione dell’elipista. Quindi un bilancio, nell’immediato futuro, concreto, fatto di date, di giorni, di lavoro e con lavori che guardano fdavvero a migliorare la qualità della vita, le aspettive del Cittadino. E aggiunge: ”Non voglio parlare di altro nel tempo.. e poi ci sono le elezioni.. quindi rimango nel mio tempo – conclude – e sorridendo afferma: Lavoreremo ancora, vicino ai ragazzi, con l’apertura del centro sociale, lavoreremo con gli anziani attivizzati nella mensa, punteremo a creare sinergie con i cassintegrati ed i precari per determinare condizioni di lavoro produttivo… “ E qundi “brindare di questi tempi con la crisi, le preoccupazioni per il futuro, il lavoro che manca non è facile, ma dobbiamo stando vicino ai nostri cari, ai valori agli affetti provarci… sarà un anno importante di consolidamento. Posso dire con una punta di orgoglio di aver fatto con l’esecutivo e tutta la macchina amministrativa del comune, del nostro meglio e che questo ha inciso là dove aveva la possibilità di farlo, tra i ragazzi, nelle scuole, tra gli anziani scoprendo parole come solidarietà e partecipazione. Abbiamo fatto tutti insieme una rivoluzione nel modo di pensare e proporci… l’anno che è andato via non è uno fra tanti. E’ l’anno dei nodi che sono venuti al pettine. Crisi finanziaria, crisi economica, crisi ambientale come mai prima d’ora. Globale e non ciclica. Con i piedi ben piantati a terra pensiamo che da tutto questo sfacelo possa iniziare un nuovo Rinascimento Questo è l’augurio che faccio a tutti Il nuovo anno ci vedrà impegnati ad affrontare in modo solidale i momenti difficili per costruire con intelligenza e sobrietà quel “mondo nuovo” che a Brolo è già scritto fra le righe dell’attuale.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close