Foto Tinturia

Bagno di folla per Lello Analfino & i Tinturia, successo a “Little Sicily”

Capo d’Orlando – Strepitoso successo ieri sera a Capo d’Orlando per Lello Analfino & i Tinturia, che in una piazza Matteotti stracolma di gente hanno infiammato il numerosissimo pubblico orlandino (foto Natale Arasi) con un concerto trascinante e coinvolgente.

Ospiti della quarta edizione di “Little Sicily”, manifestazione organizzata dal comune paladino, in particolar modo dall’assessore al turismo Rosario Milone che con il suo staff si è speso tantissimo per la riuscita dell’evento, gli artisti di origine agrigentina hanno messo in piedi uno spettacolo straordinario che ha letteralmente travolto tutti i presenti. Repertorio vasto, da “Jovanotto” a “Precario”, quasi vent’anni di musica griffata “Tinturia” che non conosce età e divertentissime gags apprezzate dalla variegata platea gli ingredienti per un mix esplosivo di una serata indimenticabile. Moltissimi i giovani piazzati sotto il palco, tanti gli adulti che hanno gradito le sonorità ma soprattutto i messaggi lanciati dalla band di Raffadali, eccellenza musicale siciliana che è ormai una grande realtà artistica anche al di fuori dei confini siculi. Gente che ha ballato, saltato e cantato a squarciagola per un gruppo che fa parte della cultura della nostra regione e che è ambasciatore dei valori della Trinacria in Italia e non solo.

«La Sicilia è una terra meravigliosa – racconta Lello Analfino ai nostri microfoni -. Al limite, il problema possiamo essere noi siciliani. Con tutto questo ben di Dio che ci circonda come possiamo mai cambiare le cose? In estate al siciliano interessa andare al mare, mica può pensare ai problemi che ha, in inverno poi ci si può sempre lamentare. A Capo d’Orlando ho avuto modo di fare una passeggiata sul lungomare, qualcosa di incantevole che mi ha subito rapito. Con uno spettacolo del genere è impossibile non entrare di diritto nelle eccellenze paesaggistiche siciliane. Parlando di musica, la forza di Lello Analfino e dei Tinturia credo risieda nella sincerità con cui ci rivolgiamo al nostro pubblico. Un percorso nato ormai oltre quindici anni fa e arrivato a “Precario”, passando per ogni genere di argomento ma sempre con lo stesso modo di fare musica, raccontando storie di vita realmente vissuta. Da “Abusivi” ad oggi siamo cresciuti molto, gli argomenti forse adesso sono più maturi rispetto al passato ma i concetti base e l’attaccamento alla Sicilia non sono mai mutati. Ogni volta che sto fuori troppo tempo, cerco di inserire nel calendario una data o un motivo per tornare a casa, nella mia adorata isola. Nel tempo abbiamo raggiunto bei traguardi, ma non sono soddisfatto. Non so ancora dove voglio e dove vogliamo arrivare, so solo che voglio continuare a scrivere e a fare musica perché è questa la mia vita – conclude il leader dei Tinturia –, proseguendo nella descrizione di quello che vedo, disegnando storie con le note».

Lello Analfino, “pittore di musica”, & i Tinturia, per continuare a dipingere “quadri musicali” in Sicilia e poi esportarli al di fuori dei nostri confini regionali. Le grandi eccellenze musicali siciliane a Capo d’Orlando per “Little Sicily”, mai rinnegare le proprie origini. “Pace, Amore e Tinturia, pi’ tutta ‘a vita!”.

Clicca qui per vedere l’intervista integrale a Lello Analfino, registrata negli studi di Radio DOC prima del concerto di sabato sera.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close