OMICIDIO LIPARI: L’ULTIMO 55 ANNI FA, OGGI L’AUTOPSIA


La parola omicidio alle Isole Eolie era stata praticamente cancellata nel vocabolario comune degli isolani ma quello scoperto la notte di Natale ha fatto ritornare in mente una dura realtà ormai dimenticata per ben 55 anni. Un delitto misterioso quello di Eufemia Biviano, 62 anni, ex inserviente dell’hotel “Giardino sul Mare”.

Indagini serrate, gli uomini del Ris che avvolti nelle loro tute analizzano impronte e qualsiasi segno appaia utile per scoprire l’assassino, carabinieri esperti che hanno lavorato sulle isole richiamati per dire la loro sul misterioso delitto della vigilia di Natale a Lipari, la più grande delle Eolie, dov’ è stata uccisa, molto probabilmente con una coltellata alla gola, Eufemia Biviano, 62 anni, ex inserviente nell’ hotel «Giardino sul mare». La donna viveva sola in una villa circondata da agrumi e ulivi in una zona detta Area morta nella frazione Quattropani a Nord Ovest dell’isola. Un giallo che dalla sera del 24 dicembre, quando le famiglie si riuniscono sedute attorno alla tavola per festeggiare il Natale, ha sconvolto tutti gli eoliani visto che l’ultimo è quello di una donna uccisa da due uomini e gettata in una cisterna nel ’55 nella zona di Cappero di Lipari.

Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri, che lavorano coordinati dal sostituto procuratore di Barcellona Pozzo di Gotto Mirko Piloni, Eufemia Biviano nel pomeriggio del 24 dicembre è tornata a casa dopo aver fatto la spesa. Ha aperto il cancello per entrare in auto, attraverso una strada interna alla villa, nel garage: un corpo indipendente dall’abitazione. Lì la donna sarebbe stata uccisa. L’allarme è stato dato da un amico di Biviano, Giacomo Alessi.

La prima ipotesi è stata quello di uno o più ladri scoperti in azione e che avrebbero ucciso la testimone presi dal panico. Ma l’indagine sembra essersi allargata: le ipotesi per il delitto sono aumentate. Ieri e oggi sono stati interrogati familiari e conoscenti di Biviano. Nella caserma dei carabinieri si sono susseguite le riunioni degli investigatori. In serata il corpo della vittima è stato imbarcato sul traghetto per Milazzo e oggi (mercoledì 27 dicembre) nell’istituto di medicina legale di Messina si svolgerà l’autopsia.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close