20150421_194747

Fumata nera per l’aeroporto dei Nebrodi

Torrenova – Fumata nera per l’aeroporto dei Nebrodi: una struttura aeroportuale del genere non può essere realizzata a causa delle condizioni di un territorio che non permette la costruzione di un aeroscalo.

È questa la conclusione alla quale sono arrivati i sindaci dei comuni di Torrenova, Capo d’Orlando, Capri Leone, Alcara, Reitano, Frazzanò, Ucria, Brolo, Sinagra, Ficarra, Sant’Agata di Militello, Piraino, San Piero Patti, Galati Mamertino e Longi durante la riunione svoltasi ieri sera presso l’aula consiliare del comune di Torrenova alla presenza del presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci.

L’incontro programmatico, organizzato dal primo cittadino torrenovese Salvatore Castrovinci, ha confermato la tesi già sostenuta dall’assemblea dei sindaci riunitasi precedentemente presso il comune di Capo d’Orlando e organizzata dal sindaco paladino Enzo Sindoni. Dopo accurati e attenti studi tecnici, portati a termine dall’ingegnere e sindaco di Ficarra Basilio Ridolfo, studi volti a valutare la migliore fattibilità tecnica del territorio e capire le effettive predisposizioni dell’area che avrebbe dovuto ospitare un edificio dalle dimensioni così elevate, è stata riscontrata nella zona interessata una evidente impossibilità ad accogliere l’infrastruttura. Il territorio nebroideo non si presenta idoneo al progetto, pertanto l’aeroporto dei Nebrodi, ad oggi, non si può realizzare.

Tuttavia, i sindaci dei comuni dell’hinterland nebroideo non hanno deposto del tutto le armi. Infatti, il progetto dell’aeroporto dei Nebrodi rimane in stand-by, in attesa che si svolgano le elezioni amministrative nei comuni di Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo, sperando si possano creare le condizioni per interloquire anche con le nuove amministrazioni che governeranno i grossi centri del messinese per trovare una soluzione e rendere il progetto dell’aeroporto dei Nebrodi una realtà.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close