1 - Copia

Promozione, L’Iniziativa-Stefanese e Sinagra-Campofelice i play-out

Terme Vigliatore – Finisce il campionato di Promozione B e giungono i tanto attesi verdetti per le compagini messinesi impegnate nella seconda serie regionale.

Nessuna sorpresa nella zona alta della classifica, dove dopo la matematica promozione del Rocca di Caprileone in Eccellenza, tutte le posizioni vengono confermate. Il CUS Palermo vince per 2-1 contro il Merì e vola in finale play-off, mentre il Castelbuono ed il Cefalù rimediano due sconfitte indolori. I madoniti cadono per 3-1 contro un Città di Sant’Agata di Militello adesso salvo, mantenendo la terza posizione, mentre i normanni, ormai sicuri della quarta posizione, perdono in casa contro la capolista Rocca. Tra queste due squadre, appunto, si dovrà trovare la rivale del CUS Palermo.

Discorso diverso in  basso dove il Real Calcio trova, al fotofinish, la salvezza diretta. Una tripletta di Cicero, infatti, sancisce il 2-3 in casa della Mamertina e spedisce agli spareggi l’Iniziativa San Piero Patti. I nebroidei non vanno oltre il pareggio a Terme Vigliatore, dove la Ciappazzi saluta il campionato, retrocedendo. Stefanese e Sinagra vincono poi in trasferta, rispettivamente contro Campofelice e Mistretta, per 1-0, e proprio i giallorossi di mister Ioppolo potranno giocare i playout in casa. Iniziativa-Stefanese e Sinagra-Campofelice gli incroci del post campionato. Riportiamo di seguito la cronaca di Ciappazzi-Iniziativa.

Finisce fra tanti rimpianti il campionato per Ciappazzi ed Iniziativa, che nell’ultima giornata in programma pareggiano 1-1. I termensi vengono così condannati alla retrocessione, mentre la formazione di San Piero Patti vede sfumare la salvezza diretta e dovrà passare per un playout secco da disputare, in casa, contro la Stefanese.

I presupposti erano per una gara da tutto per tutto, ma nei primi minuti c’è davvero poco gioco. Le due compagini faticano in tutte le zone del campo e solo al 10’ i padroni di casa guadagnano due corner. Svezia allontana per due volte il pericolo ed i suoi guadagnano punizione. Più tardi Cagigi disturba il controllo aereo della difesa avversaria e va al tiro da fuori. Conclusione lenta e nuova parata semplice per l’estremo nebroideo. Al 23’ Adamo opera la prima conclusione per gli ospiti, al culmine di una perfetta manovra di Genes e Svezia a centrocampo. L’attaccante supera la difesa e, giunto di fronte al portiere, viene bloccato perché in posizione di off-side. Poco dopo Salmeri ha sui piedi una delle palle più ghiotte, ma in area colpisce male e spinge la palla alta  sul fondo. Al 44’ i sampietrini hanno l’ultima occasione del primo tempo ma, su inserimento dalla destra di Cappadona prima Genes, poi Germanò non impattano bene la sfera.

Nella ripresa cresce notevolmente la voglia di risultato per le due avversarie, ma sono solo gli ultimi minuti ad emozionare il pubblico presente. Passa ben un quarto d’ora perché Adamo giunga in area e venga anticipato da Parmaliana. Operati diversi cambi è ancora l’Iniziativa a farsi vedere, ma Stefano Bucca è presente anche al 72’. Germanò colpisce di testa, servito in area da Adamo e l’estremo avversario si accovaccia bene a parare. Più tardi Svezia tira da 30m, trovando ancora un pronto intervento sul palo, mentre un attacco della Ciappazzi frutta il penalty che sblocca il risultato. Al minuto 76, appunto, Mandanici entra in area e costringe Spinella a commettere fallo. Gemelli fischia prontamente e dal dischetto lo stesso Mandanici batte Svezia, già in tuffo, sfiorando il palo. All’81’ è di nuovo Mandanici a spingere in avanti i suoi e solo uno stacco di testa di Spinella, in extremis, può negare un raddoppio che sarebbe sembrato esagerato. Scampato il pericolo l’Iniziativa cerca allora di reagire. A cinque minuti dal termine trova una punizione dal limite e, di lì a poco, il gol del pareggio. Bongiovanni guadagna subito il calcio piazzato ed il successivo corner porta in gol Germanò. Spinella riceva palla in area, fende lo spazio difeso da Bucca con un ottimo assist e Germanò schiaccia di testa in rete la palla che riapre i conti. Gli ultimi minuti sono davvero concitati e ne fa le spese Merlo, espulso quale capro espiatorio della panchina ospite. L’Iniziativa getta in campo praticamente tutte le pedine offensive e solo Stefano Bucca può negarle la salvezza diretta. Nel terzo minuto di recupero Biondo gira all’angolino basso una palla su cui tutti gridano al gol, ma che il portiere è bravo a respingere in tuffo. Poi negli ultimi secondi, quando i verdetti sono ormai scritti, a nulla vale la traversa colpita da Campochiaro, comunque bloccato perché in fuorigioco.

Chiuso così il capitolo campionato, nel messinese l’attenzione è rivolta ai play-out. Iniziativa-Stefanese e Sinagra-Campofelice, sanciranno due nuove retrocessioni in Prima Categoria. Per la promozione in Eccellenza, invece, la corsa è ristretta a Cus Palermo, Castelbuono e Cefalù.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close