IMG-20150402-WA0005

Tiger affondata ad Agropoli, Due Torri ok

Brolo – Due batoste e una vittoria il bottino del ventinovesimo turno del Girone I di Serie D per le messinesi impegnate nel massimo torneo dilettantistico di calcio. La Tiger cede 4-0 all’Agropoli il Due Torri supera 1-0 il Roccella mentre l’Orlandina si arrende 8-0 al Moltanto. Con questi risultati, il Due Torri può considerarsi praticamente salvo, la Tiger è con un piede e mezzo nei play-out mentre l’Orlandina è ufficialmente retrocessa in Eccellenza.

Stadio “Raffaele Guariglia” di Agropoli, davanti ad un discreto pubblico si affrontano i padroni di casa di mister Rigoli e la Tiger di mister Angelo Galfano, ancora alla ricerca della prima vittoria sulla panchina giallonera. Out Tarallo nei “delfini”, Ragosta e Canotto affiancano il “finto nueve” Berretti in avanti. Brolesi con il 3-5-2, Di Senso supporta Sparacello in attacco. Arbitro dell’incontro è il signor Stefano Fusco di Brindisi, coadiuvato dai signori Bruni di Brindisi e De Chirico di Barletta.

La partita comincia abbastanza piano. Le rivali si studiano e nessuna delle due squadre fa registrare azioni degne di nota fino al 14′, quando Siano ci prova al volo da fuori senza troppe pretese. Al 29′, all’improvviso, l’incontro cambia. Calcio di punizione fischiato ai venti metri per l’Agropoli, sul pallone si presenta Ragosta che disegna una traiettoria incredibile: il cuoio tocca la parte inferiore della traversa e si insacca alle spalle dell’incolpevole Mannino, 1-0 Agropoli. I siciliani accusano il colpo e al 35′ solo la segnalazione del guardalinee salva i “tigrotti” dalla doppietta personale di Ragosta. In chiusura di primo tempo, Canotto si incunea in area e si presenta a tu per tu con Mannino, che con i piedi compie il miracolo e manda le compagini all’intervallo sull’1-0 per i cilentani.

La Tiger inizia la ripresa con un piglio completamente diverso ma al 48′, ancora una volta quasi a sorpresa, un lancio dalla difesa trova la retroguardia ospite sguarnita. Ad approfittarne è il solito Ragosta, che costringe al fallo da ultimo uomo Mannino, che viene giustamente espulso dal direttore di gara. In superiorità numerica, l’Agropoli pigia sull’acceleratore e al 55′ Canotto regala a Berretti un pallone facile da spingere dentro che però il numero 9 biancoazzurro sciupa malamente. Al 61′, quindi, nuova svolta del match, con il signor Fusco che, dopo una leggera trattenuta di Falanca ai danni di un avversario in area di rigore, decide di assegnare non solo il penalty ai campani, ma anche di espellere, eccessivamente, il centrale brolese. Dagli undici metri ancora Ragosta batte Valenti, subentrato a Kouadio, e chiude virtualmente la contesa. La beffa per i gialloneri arriva però fuori dal rettangolo di gioco. Al 67′ Sparacello, precedentemente sostituito, viene espulso in maniera immotivata dall’arbitro, che decide di allontanare anche l’allenatore Angelo Galfano, reo di aver chiesto spiegazioni. Decimata in campo e in panchina, la Tiger crolla sotto i colpi di Arena, che all’81’ e all’83’ sigla la doppietta personale e cala il poker che affonda definitivamente i brolesi. Al “Guariglia” finisce quindi 4-0 per l’Agropoli ma la Tiger Brolo può recriminare sulla mano pesante del fischietto brindisino, in grado di far concludere una partita correttissima con quattro espulsioni.

Al “Vasi” di Piraino, nel frattempo, vittoria di misura ma importante per il Due Torri di mister Venuto, che davanti ai propri tifosi batte 1-0 il Roccella e taglia il traguardo della salvezza con largo anticipo. Dopo un primo tempo propositivo e grintoso ma senza graffi decisivi per i locali, nella seconda frazione di gioco i biancorossi trovano il meritato vantaggio al 71′ con Compagno, abile a sfruttare un’incertezza di Belcastro su retropassaggio di Cassaro e a depositare in rete il pallone che potrebbe significare permanenza in Serie D per i pirainesi. Sotto di un gol, il Roccella prova a scuotersi ma all’86’, quando Franco sembra trovare il varco giusto per il pareggio, una prodezza di Ingrassia nega ai calabresi il punto dell’1-1 e regala al Due Torri un successo che proietta Gaglio e compagni a quota 42 punti dopo ventinove giornate. Un campionato davvero strepitoso per il club del presidente Amato, che si candida prepotentemente come regina del calcio messinese dilettantistico.

Chiudiamo con la solita batosta per l’Orlandina, che si arrende 8-0 al Montalto e retrocede ufficialmente in Eccellenza. Mister Santo Mazzullo negli scorsi giorni è stato colpito da un malore ma il momento critico è passato e il tecnico è potuto rientrare a casa dopo alcuni accertamenti specifici. Questa è la nota più lieta di un campionato da dimenticare per i paladini.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close