orlandina reggio

Si allunga l’inibizione per Sindoni, squalifica di 18 mesi per tesserato Nuova Agatirno

Capo d’Orlando – Il Giudice Sportivo ha prolungato l’inibizione del patron dell’Orlandina Basket Enzo Sindoni sino al 30 agosto 2015. Dopo i fatti accaduti nel post Orlandina Pesaro lo stesso era stato sanzionato sino al 30 aprile ma poco fa la decisione del prolungamento. Sembra che, sempre secondo il giudice sportivo, sia stata segnalata la sua presenza nei pressi del tunnel degli spogliatoi (ma comunque fuori dal terreno di gioco conoscendo il palazzetto di Trapani). L’inibizione consiste, come sanzione nel:

  • divieto di rappresentare la Società di appartenenza in attività rilevanti per l’ordinamento sportiva nazionale ed internazionale;
  • divieto di partecipare a qualsiasi attività di organi federali;
  • divieto di accesso nei locali degli impianti sportivi inibiti al pubblico, in occasione di manifestazioni o gare, anche amichevoli;
  • divieto di rilasciare dichiarazioni alla stampa;
  • divieto di partecipare alla riunioni, anche informali, con altri tesserati.

Intanto il giudice sportivo territoriale della Federazione ha squalificato un tesserato della Nuova Agatirno Capo d’Orlando, per 18 mesi, fino al 30 settembre 2016.

Come riportato dal referto arbitrale, durante le finali Under-19 a Caltanissetta, l’uomo è entrato nello spogliatoio degli arbitri e ha colpito con dei pugni l’arbitro Tonino Gennaro, componente del CIA regionale e commissario di campo proprio per le gare del massimo campionato giovanile.

Il tesserato della società paladina  era già stato inibito dal 18 marzo al 3 aprile di quest’anno per comportamento minaccioso/intimidatorio nei confronti degli arbitri (in quel caso Cappello e Anzaldi) dopo Marsala-Agatirno di Serie C2.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close