Foto consiglio

L’ex Sindaco Lanaro rinuncia al ricorso

Mirto – L’ex Sindaco di Mirto Giuseppe Lanaro ha ritirato il ricorso contro la mozione di sfiducia nei suoi confronti, votata da dieci Consiglieri sui dodici effettivi nel corso della Seduta Consiliare del 15 Dicembre 2014. In precedenza il Presidente della Prima Sezione del Tar di Catania, Salvatore Veneziano, con decreto del 14 Gennaio 2015 aveva respinto l’istanza cautelare presentata da Lanaro, non considerando i requisiti di estrema gravità e urgenza tali da concedere la sospensiva della sfiducia. La Camera di Consiglio doveva esprimersi il 12 Febbraio scorso, ma la decisione era stata spostata di un mese esatto. Nella giornata di ieri doveva giungere l’atteso giudizio, ma Lanaro ha deciso di ritirare il proprio documento di ricorso.

Lanaro, difeso dall’Avvocato Rosario Ventimiglia, nel suo ricorso avanzava un dubbio di legittimità costituzionale delle disposizioni della Legge Regionale. Inoltre l’ex primo cittadino del comune nebroideo riteneva che, nel documento di sfiducia, ci fosse una mancanza di presupposti politici e che l’atto fosse stato approvato per motivazioni prettamente personali. Nel ricorso lo stesso ex Sindaco cita l’episodio della separazione dalla moglie, come motivo principale che avrebbe indotto il gruppo d’appartenenza “Insieme si può” a decretare la fine del suo mandato, dopo due anni e mezzo dalla sua elezione. Si fa anche riferimento alla questione della doppia presentazione della mozione di sfiducia, ritirata inizialmente.

Chiusa questa parentesi giudiziaria, adesso si attendono le elezioni amministrative della prossima primavera. Fino alla scelta del nuovo Sindaco, il Comune di Mirto continuerà ad essere amministrato dal commissario straordinario Gaetano Gullo.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close