Borsellino-Nas

I nomi dei medici indagati per l’omicidio colposo di Nicole

Catania – Le nove persone indagate per la morte della piccola Nicole, la neonata morta in ambulanza perchè nelle Utin degli ospedali catanesi non c’era posto dovranno rispondere di omicidio colposo.

Gli indagati sono: Maria Ausilia Palermo (ostetrica-ginecologa),Giovanni Alessandro Gibiino (anestesista) e Antonio Di Pasquale (pediatra),  tutti e tre medici della clinica Gibiino, il responsabile del 118 per Catania, Siracusa e Ragusa, Isabella Bartoli  e un operatore del 118, Vincenzo Mirabile e i due medici di Guardia Salvatore Cilauro in servizio al Policlinico di Catania e Alessandro Rodanò,  all’ospedale Santo Bambino.

Indagati anche due medici rianimatori che sono intervenuti dopo il parto di mamma Tania: Adolfo Tomarchio e Sebastiano Ventura.  Cilauro e Rodanò sono accusati anche di omissione in atti d’ufficio.

La Procura di Catania, che coordina le indagini, alla presenza degli avvocati difensori degli indagati è stato conferito l’incarico per l’autopsia che si terrà oggi, affidata al dottore Giuseppe Ragazzi.

Per fare chiarezza sulla morte di Nicole, si è riunita a Catania la task force del ministero della salute.

Secondo quanto emerge dai primi atti degli ispettori inviati dal ministro alla Salute Beatrice Lorenzin in Sicilia, la casa di cura non ha segnalato la gravità del caso alle Utin, le unità di terapia intensiva neonatale contattate e il 118 avrebbe dovuto inviare la piccola paziente all’unità di terapia intensiva più vicina, cioè  quella di Messina. Utin che – secondo gli ispettori del ministero –  non è stata contattata perché ‘fuori distretto’, ma che aveva la disponibilità del posto letto. 

http://catania.blogsicilia.it/

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close