orlandina pecile

Cremona sbanca il PalaFantozzi, Upea k.o. 57-74

Capo d’Orlando – Quarta sconfitta consecutiva per l’Upea Orlandina Basket, battuta tra le mura amiche da Cremona per 57-74. Probabilmente una delle più brutte partite dei paladini in questa stagione di Serie A, con i giocatori incapaci, davanti al proprio pubblico, di trovare il necessario ritmo gara e di reagire alle avversità che un ottimo avversario come Cremona ha saputo sfruttare a suo vantaggio. Troppe le palle perse, 14, ed i tiri da tre tentati, 27 (con solo 7 andati a segno), per non parlare del 10/19 ai liberi, tutti fattori che hanno portato l’Upea alla quinta sconfitta in casa ed alla tredicesima in campionato. La squadra siciliana resta dunque a quota 12 punti, quart’ultima al pari con Varese e con soli 2 punti di vantaggio su Pesaro (vincente contro Reggio Emilia) e 4 su Caserta (sconfitta a Pistoia). Ma passiamo alla cronaca dell’incontro.

Griccioli finalmente può sorridere visto il contemporaneo ritorno di Nicevic (assente da novembre) e Pecile (che prende il posto di Cochran). Qualche problema in settimana invece per Basile, alle prese con l’influenza, ma arruolato per la gara di oggi, anche se metterà piede in campo. Il coach paladino decide comunque di partire con i 5 americani: Henry, Freeman, Burgess, Archie e Hunt; risponde Pancotto con Hayes, Vitali, Bell, Clark e Campani.

Orlandina che parte bene con le triple di Henry e Freeman che valgono l’8-4 dopo 2′, poi l’attacco di casa si inceppa e Cremona ne approfitta per pareggiare prima e superare i locali poi sul 9-11 al 7′. L’ingresso di Daniel permette agli ospiti di incrementare il vantaggio fino al 6 (9-15), ma due bombe di Archie, tra cui una allo scadere del primo quarto permettono all’Orlandina di chiudere in svantaggio 15-17 dopo 10′. Il secondo periodo si apre con altre due bombe dei bianco-azzurri, autori Burgess e Soragna, Cremona risponde dai 6.75 con Mian, Hayes e Gazzotti, che confezionano il +7 Cremona (21-28) al 14′. Archie sbaglia tre liberi in fila, ma ci pensano Nicevic e Soragna a rimarginare il deficit per il 28-31 al 18′. Gli ospiti terminano comunque il primo tempo in vantaggio per 31-35.

Alla ripresa dei giochi l’Orlandina rientra in campo moscia e Cremona ne approfitta con Bell per volare a +8 (33-41); Griccioli striglia i suoi che con Freeman sugli scudi tornano a -2, ma i problemi di falli di Henry prima, giunto a quota 4, e Pecile poi, uscito per 5 falli al 29′, lasciano interdetta l’Upea, che torna di nuovo a -7: 45-52 quando volge al termine il terzo periodo. Il quarto quarto si apre con un bel canestro di Nicevic, a cui segue un palleggio arresto e tiro di Herny per il -3, ma Ferguson trova subito la tripla nell’azione successiva e una schiacciata con fallo di Campani costringe Griccioli al timeout sul 53-60 al 34′. Il minuto di sospensione però non produce gli effetti sperati e Ferguson segna la bomba del +10 a 5′ dalla fine e due minuti dopo quella del +13, con l’Upea impotente di fronte all’energia ed al dinamismo degli avversari, capaci di imporsi al PalaFantozzi con il punteggio di 57-74.

La squadra del presidente Sindoni tornerà ora in campo dopo la pausa per le “Final Eight”, più precisamente l’1 marzo ad Avellino, a cui seguirà un’altra trasferta a Caserta, due gare certamente decisive per il futuro dei paladini.

Upea Capo d’Orlando – Vanoli Cremona 57-74 (15-17; 31-35; 45-52)

Orlandina: Archie 14, Freeman 8, Hunt 5, Burgess 5, Basile ne, Soragna 5, Nicevic 12, Cordaro ne, Pecile 2, Bianconi ne, Henry 6. Allenatore: Giulio Griccioli.

Cremona: Hayes 8, Gazzotti 7, Vitali 7, Mian 3, Campani 6, Ferguson 14, Mei, Clark 10, Daniel 12, Bell 7. Allenatore: Cesare Pancotto.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close