Sant'Angelo di Brolo3

Polemiche tra l’ex assessore Palmeri e il suo sostituto Maurotto

Sant'Angelo di Brolo3

Sant’Angelo di Brolo – Una polemica che sembra non finire mai, da una parte il gruppo di maggioranza che segue il sindaco Caruso, dall’altra il gruppo “Rinascita Santangiolese” con rappresentanza del Presidente del Consiglio Cortolillo, e per finire il gruppo di minoranza che sembra essersi risvegliato e che adesso inizia ad alzare la voce.

Nel pomeriggio è toccato all’avv. Maurotto scagliarsi contro il dott. Cortolillo, che nel suo ultimo comunicato aveva sollevato qualche polemica sulla triade di cariche compiute dal neo-assessore.

Questo comunicato nasce dall’esigenza di esprimere talune considerazioni assolutamente necessarie 9per ribattere a quanto maldestramente detto e sottoscritto dal Presidente del Consiglio Comunale, Francesco Paolo Cortolillo e dal suo Gruppo.

Certo, mi sarei aspettata argomenti e contenuti assolutamente differenti…. e invece leggo un misero attacco alla persona del Sindaco ed anche nei miei confronti.

Cercate di screditare la serietà e l’onestà di soggetti che continuano ad operare alla luce della trasparenza e della legalità?

Non credete che forse sarebbe meglio impinguare, i social network e non solo, di argomenti più vicini alle esigenze della comunità santangiolese?

Per fortuna i nostri concittadini, dotati di proprie capacità intellettive, sono in grado di comprendere che oggi, l’atteggiamento assunto dal gruppo Rinascita Santangiolese, è solo una conseguenza per l’estromissione dell’assessore Palmeri, assolutamente giustificata, essendo venuto meno quel necessario rapporto di fiducia con il Sindaco e con il resto dell’Esecutivo e per la sua totale inerzia dimostrata nell’ultimo anno.

Tornando nuovamente al tema del documento del medesimo gruppo, mi corre l’obbligo evidenziare che nessuna violazione di legge o scorrettezza politica è stata commessa. Nello specifico, per chi non lo sapesse, nessuna incompatibilità sussiste tra la carica assegnatami e le precedenti. Peraltro, ho rimesso la propria decisione alla valutazione collegiale della Maggioranza, la quale mi ha confermato fiducia chiedendomi di mantenere la carica di Vicepresidente e quella di Consigliere comunale, tutte compatibili tra di loro.

Ho acquisito lo status di consigliere comunale a seguito delle elezioni amministrative del 2011 e poi sono stata eletta, a maggioranza dei presenti, Vice Presidente del Consiglio. Infine ho avuto la nomina a componente della Giunta comunale.  

Oggi sentirmi dire dal Presidente del consiglio che:”…appare inverosimile che l’assessore Maurotto possa rimanere oltre che consigliere anche Vice Presidente con la possibilità di presiedere il Consiglio Comunale..” mi viene solo da sorridere.

Ritengo, infatti, che tutto sia stato architettato a seguito di un ecumenico cambio di casacca, solo ed esclusivamente per meglio proiettarsi al futuro politico, e per cercare di creare scompiglio anche all’interno del Gruppo di Maggioranza consiliare, rimasto ovviamente più coeso che mai.

Sant’Angelo di Brolo, 11 Febbraio 2015                                            ***. Michela Maurotto

 

Ma stavolta l’ex assessore Pippo Palmeri non è rimasto guardare, anzi per non perdere tempo in serata ha smentito quanto detto nel pomeriggio dall’assessore Maurotto.

NON SONO MAI SCESO A COMPROMESSI DI ALCUN GENERE!!!
Leggendo il comunicato del “novello” assessore Maurotto, che assume le difese del sindaco e sentenzia sul mio operato, ho pensato se valesse la pena rispondere, considerato da quale parte e da chi provengono tali attacchi personali. Poi, ho ritenuto che non rispondere a certe ridicole e meschine affermazioni avrebbe potuto significare un mio colpevole silenzio. Il “nuovo” assessore non ha scoperto certo l’acqua calda quando afferma che l’atteggiamento del gruppo Rinascita Santangiolese sia una conseguenza della mia estromissione. Quale sarebbe dovuta essere, secondo lei, la reazione politica ad un atto così grave? Dopo avere subito per anni in silenzio trattamenti altamente discriminatori e persecutori, pur essendo stati sempre leali e corretti, quale azione avrebbe dovuto fare “Rinascita Santangiolese”, che ricordo essere stato il primo gruppo per somma di voti nell’ ambito della coalizione? 
Certo non potevo aspettarmi contenuti diversi da chi, “interessatamente” , non vedeva l’ora di subentrare al mio posto e oggi cerca in tutti i modi di giustificare con argomentazioni false, in riverente ossequio al suo “Re”, le indegne azioni politiche del signor Caruso e dei suoi compagni di viaggio. Ricordo a chi legge che mai nulla nella mia vita mi è stato regalato, ma ho conquistato tutto sul campo, dopo avere accettato le regole ed agito con estrema onestà e correttezza. Non sono mai “subentrato” a nessuno, come invece ha fatto la Maurotto, che è stata prescelta ancora una volta per “grazia ricevuta”. 
Come ci si permette di affermare che sarei stato punito per il venir meno del rapporto fiduciario con il sindaco e per la mia “totale inerzia” dimostrata nell’ultimo anno”? Faccio presente che nell’ultimo anno, dopo il ritiro delle mie deleghe, che mi ha mortificato profondamente, non siamo stati più invitati, insieme ai consiglieri comunali del mio gruppo, a nessuna riunione di maggioranza e totalmente estromessi da qualunque attività amministrativa. Questi subdoli tranelli venivano attuati in maniera scientifica e provocatoria proprio per accusarmi poi anche di inerzia. Oggi finalmente il gioco è stato scoperto e chiunque può capire dove volessero arrivare. Per me parlano i fatti e non le chiacchiere! Per oltre tre anni ho ottenuto riconoscimenti lusinghieri sul mio operato di assessore da più parti e anche dagli avversari politici, tranne i compiacimenti del sindaco e del suo “cerchio magico”. Forse aver avuto successi nelle tante attività ed iniziative da me organizzate per il paese disturbava parecchio i miei infidi alleati, così come il mio modo di gestire la cosa pubblica in maniera cristallina, senza fare clientelismo e favoritismi! Per quanto riguarda le “accuse” ingiuste nei confronti del Presidente del Consiglio, che certamente non ha bisogno della mia difesa, sono certo che, se ha rilevato inadempienze e violazioni di legge, avrà modo di dimostrarle. In conclusione, auspicherei che ognuno, prima di giudicare gli altri, guardasse bene la propria “gobba”, come sono convinto che taluni con le loro miserie non riusciranno mai a cancellare la piccola storia di chi nella propria vita non è mai sceso a compromessi di alcun genere per posizioni personali e/o di potere e ha sempre fatto sacrifici, lavorando con onestà ed umiltà. 
Sant’Angelo di Brolo, 11 febbraio 2015 F.to Pippo Palmeri

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close