SantAngelo_di_Brolo

Giunta disapprova IMU sui terreni agricoli, delibera di protesta

 

SantAngelo_di_Brolo

Sant’Angelo di Brolo – Risposta più che negativa arrivata dall’amministrazione comunale per quanto riguarda la nuova mossa dello Stato per l’introduzione dell’IMU sui terreni agricoli.

La delibera approvata quest’oggi dalla Giunta chiede, infatti, la revisione del criterio utilizzato per individuare i comuni che godono in maniera totale o parziale dell’esenzione, ma soprattutto delle modalità con le quali viene trattenuto dal fondo di solidarietà nazionale, l’importo teorico dell’IMU che l’ente locale dovrebbe incassare, che per Sant’Angelo ammonta addirittura a quasi 130 mila euro.

In particolare, l’Esecutivo ha chiesto di sospendere il pagamento dell’imposta sui terreni agricoli, di attivare un tavolo di concertazione con gli enti  locali e le associazioni di rappresentanza, per confrontarsi sulle modalità di attuazione dell’art. 22 del D.L. 66/2014 e di riconoscere, tramite apposite leggi, l’attività agricola anche non professionale, nonché la gestione forestale attiva, come forma di tutela, protezione, difesa delle aree montane del Paese, a vantaggio dell’intero territorio italiano, secondo quanto sancito dalla Costituzione, in particolare all’articolo 44.

L’atto deliberativo verrà trasmesso al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Economia e delle Finanze, al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, al Ministero dell’Interno, al Presidente dell’ANCI nazionale, al Presidente dell’ANCI Sicilia, al Presidente della Regione, all’Assessorato regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo rurale e della Pesca mediterranea ed all’Assessorato delle Autonomie locali e della Funzione pubblica.

“Ormai la strategia dello Stato e della Regione – ha affermato il sindaco – è quella di demolire i Comuni, l’unico punto di riferimento istituzionale che i cittadini riconoscono. Invierò la bozza dell’atto deliberativo agli altri sindaci interessati invitandoli ad approvare delibere come la nostra, in modo da creare un forte movimento di protesta – ha poi concluso Caruso – affinché sia rivisto questo anomalo ed assurdo sistema di imposizione, che colpisce in maniera generalizzata il settore agricolo, ormai da anni al collasso, con le conseguenti ricadute produttive, occupazionali e di difesa del territorio”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close