23-S.Agata-militello-porto

Porto, “Perché questo ritardo?”

23-S.Agata-militello-porto
Sant’Agata Militello – 
“Relativamente al procedimento per il completamento del Porto di Sant’Agata, manifestiamo la nostra più viva preoccupazione di fronte all’empasse che pare essersi determinata negli ultimi mesi”. Esordiscono così i consiglieri Calogero Maniaci e Nicola Marchese in una nota stampa diffusa ieri.

“In effetti dopo le chiare ed inequivoche indicazioni ricevute dall’Assessorato Infrastrutture della Regione Siciliana, continuano i consiglieri, già a Giugno dello scorso anno, le quali confermavano l’opportunità di avviare un procedimento di risoluzione in danno dell’impresa aggiudicataria per inadempienze e gravi ritardi (in buona parte già segnalati dagli organi interni del procedimento), dopo l’attenta e meticolosa ricostruzione di tutte le fasi del procedimento da parte del nuovo Rup ing. Ridolfo e degli uffici dello stesso Assessorato, dopo la nota del 02/12/2014 del Dipartimento Infrastrutture a chiusura di tale “verifica congiunta” e  dopo che, come ci risulta, anche il pool di consulenti legali del Comune ha valutato la correttezza ed opportunità della scelta di operare tale avvio del procedimento, non si ha notizia di determinazioni in proposito da parte dell’Amministrazione Comunale e del RUP.

Non si comprendono dunque, scrivono Maniaci e Marchese, le ragioni di un ritardo che, unito a quello accumulato nel passato, rischia di impantanare definitivamente il procedimento, portando alla revoca del finanziamento ed alla conseguente perdita dell’unica, vera e irripetibile occasione di sviluppo della comunità santagatese.

Riteniamo che l’Amministrazione debba affrontare definitivamente con serietà e determinazione una questione complessa e problematica ma non certo inestricabile, assumendo quei provvedimenti che si rendono necessari ed opportuni per mettere fine alla querelle con la Ditta e salvaguardare i diritti e le aspettative della Città, che non può assolutamente permettersi di correre il rischio della perdita dell’opera. Chiediamo con forza, in questa come in altre importanti vicende politico-amministrative, una chiara ed incondizionata assunzione di responsabilità da parte dell’Amministrazione e di tutti i soggetti a vario titolo impegnati nel procedimento, incluse le figure di supporto e consulenza, che auspichiamo, concludono Marchese e Maniaci, forniscano il proprio contributo improntato alla massima chiarezza e trasparenza, onde consentire sempre il più ampio controllo sull’operato politico-amministrativo ed a garanzia delle responsabilità di ognuno”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close