Tiger Neapolis

La Tiger si arrende alla Neapolis, rinviata Marcianise-Due Torri

Tiger Neapolis

Piraino – Diciannovesimo turno del Girone I di Serie D amaro per le squadre messinesi. La Tiger si arrende 0-1 tra le mura amiche ad una grande Neapolis, l’Orlandina crolla 0-5 con il Roccella mentre il Due Torri viene fermato dal meteo a Marcianise.

Stadio “Vasi” di Piraino, nella seconda giornata di ritorno del campionato si affrontano Tiger Brolo e Neapolis, due formazioni che vivono un ottimo momento. I gialloneri di mister Santino Bellinvia sono ancora una volta rimaneggiati. Assenti D’Emanuele, Ferrante, Aloe, Addamo, Carbonaro e Bica Badan, i “tigrotti” schierano un 4-3-3 che vede all’esordio dal primo minuto in D il giovanissimo centrocampista Alessandro Cuccia, classe 1997. 4-1-4-1 molto mobile per la Neapolis di mister Mandragora, che si affida in regia al fosforo di Sekkoum e in avanti alle sgroppate di Moxedano e D’Auria a supporto di Improta. Arbitro della gara è il signor Andrea Tursi di Valdarno, assistito dalla signorina Bovini di Ragusa e dal signor Runza di Siracusa.

Inizialmente la partita sembra equilibrata. La Tiger ci prova al 7′ con una punizione di Di Senso ma, come si suol dire, una rondine non fa primavera. Dopo un quarto d’ora, infatti, gli ospiti prendono in mano il match e iniziano a martellare la retroguardia locale. Al 17′ Improta impegna Mannino da una quindicina di metri, l’estremo difensore giallonero c’è. Un minuto più tardi, lo stesso Mannino deve mettere in angolo la zampata di Liccardo C. dopo una stupenda verticalizzazione di Sekkoum. Sul successivo tiro dalla bandierina, D’Auria fa partire un missile da fuori che super Mannino mette ancora sopra la traversa. Al 33′, Manzo sfrutta una bella palla in profondità e costringe Mannino all’uscita alla disperata. Il pallone termina sui piedi di Improta, che spara a botta sicura. Il portiere della Tiger è ancora una volta strepitoso e con un balzo felino nega la gioia del gol al centravanti campano. Al 34′ viene intanto espulso per proteste l’allenatore ospite Mandragora. Minuto numero 43′, Improta si presenta a tu per tu con Mannino che ancora una volta ipnotizza il cannoniere ospite e con i piedi devìa in angolo. Al 45′, proprio sul finire del primo tempo, gli ospiti passano. Traversone dalla destra, un fino a quel momento abulico Moxedano aggancia la sfera poco dentro l’area di rigore, si gira e con il sinistro trova il sette della porta difesa da Mannino, che questa volta deve arrendersi. 0-1 Neapolis e squadre al riposo.

Nella ripresa la Tiger appare più volenterosa ma sempre troppo poco incisiva in avanti per fare male davvero ad Allocca e soci. Al 52′ è ancora la Neapolis a farsi viva con D’Auria, che converge dalla sinistra e spara dal limite trovando sulla strada del gol il solito, superbo Mannino. Al 53′ ci prova finalmente anche la formazione giallonera ma il destro da fuori di Lupo è impreciso. Al 56′ Moxedano mette i brividi a Mannino con una conclusione mancina dai venti metri che il portiere locale spedisce non senza difficoltà in corner. Al 68′ è invece Improta a graziare i “tigrotti”, calciando altissimo da ottima posizione dopo una bella veronica. Al 71′, episodio controverso in mezzo al campo. Manzo, già ammonito, stende Lupo sotto gli occhi della terna arbitrale. Il signor Tursi, dopo essersi consultato con la signorina Bovini, decide di ammonire Liccardo C. e non Manzo, regalando di fatto la parità numerica ai campani. All’82’, la prima parata di Liccardo D., con Calabrese che cerca la velleitaria botta dalla distanza senza successo. Dopo 4′ di recupero, tutti sotto la doccia. La Neapolis sbanca per 0-1 il “Vasi” con una prova convincente e continua così a volare all’inseguimento della capolista Torrecuso. Per la Tiger una sconfitta che può starci, al cospetto di un’avversaria di enorme caratura. Gialloneri fermi quindi a quota 21 punti e attualmente in zona play-out.

Al “Ciccino Micale” di Capo d’Orlando, intanto, l’Orlandina continua a collezionare figuracce, perdendo per 0-5 contro il Roccella. I calabresi non infieriscono troppo sui paladini e si limitano a portare a casa i tre punti grazie alle reti di Khanfri, Odigwe, Khoris, Carbone e Arcuri. I biancoazzurri restano ovviamente ultimi in graduatoria, con 6 punti racimolati. Stop per il campo e non sul campo, infine, per il Due Torri, che non affronta il Progreditur Marcianise a causa delle pessime condizioni del terreno di gioco dei padroni di casa. Per i pirainesi di mister Venuto, tranquilli a 25 punti in classifica, partita rinviata a data da destinarsi, con una pesante (sotto ogni punto di vista) trasferta da replicare.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close