PIU LETTI

I più letti del 2014 raccontati da 98zero

PIU LETTI
E’ stato un 2014 caratterizzato da importanti fatti di cronaca e si chiude come forse peggio non si poteva con la tragedia dell’incendio della Norman Atlantic e la scomparsa dell’autotrasportatore di Rocca di Capri Leone Giuseppe Mancuso. Un anno dove a Brolo, Capo d’Orlando, Sant’Agata Militello ed in tanti altri comuni dei Nebrodi sono accaduti eventi di grande rilievo. In questo servizio ripercorriamo le date più importanti di un anno sicuramente non felice per molti con vicende giudiziarie che hanno sconvolto intere comunità e fatti di cronaca difficili da dimenticare. Naturalmente ci siamo limitati a segnalare soltanto gli eventi che hanno maggiormente suscitato interesse nei nostri lettori. Infatti è una seleziobe di articoli con maggior numero di letture per il 2014. Prima di passare alla descrizione di quanto accaduto in un anno ormai finito auguriamo a tutti un 2015 migliore, con la speranza che possa essere davvero l’inizio di un nuovo corso, di un rinnovato slancio. Auguri.

Il 13 gennaio 2014 i carabinieri della Compagnia di Patti hanno rinvenuto il corpo senza vita ed in avanzato stato di decomposizione di una donna. Il corpo e’ stato trovato da uomini del corpo forestale impegnati in controlli anti bracconaggio. Il cadavere e’ stato scoperto tra i comuni di Raccuja e Floresta.

SONY DSC
Il 14 gennaio un anziano di Capo d’Orlando è stato arrestato a Santo Stefano di Camastra in possesso di ben 5 mila euro di banconote false. Si trattava di SCAFFIDI GENNARINO Basilio, classe ’30, originario di Brolo, ma residente a Capo d’Orlando, coniugato, pensionato, con precedenti di polizia.

bocca-di-rosa

Il 14 febbraio, nei comuni di MESSINA e SAN FRATELLO, i Carabinieri della Compagnia di Messina Sud hanno dato esecuzione a 17 misure cautelari personali(di cui 11 in carcere, 5 agli arresti domiciliari ed 1 obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria) soggetti a vario titolo indagati, in concorso, per riduzione in schiavitù, proprietà od esercizio di una casa di prostituzione, induzione, reclutamento, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. In particolare, la riduzione in schiavitù è stata ravvisata in danno ad una donna barbaramente costretta, dal proprio convivente, a concedersi ai vari clienti, subendo una vera e propria coercizione fisica e psichica, a causa del suo stato di debolezza mentale.

L’organizzazione del sodalizio è stata ricostruita dagli investigatori, fino ad arrivare a definire la struttura di ognuna delle sei “case di prostituzione” ed il ruolo delle persone coinvolte:

  1. Casa “PERRE”, con affiliati CISCO Giovanni, GUMINA Antonio ed INUSO Vincenzo, su cui hanno nel tempo ruotato 9 ragazze sfruttate;
  2. Casa “COMANDE’”, di COMANDE’ Carmela, affiliati BARRILE Antonino, CARLINO Nicolò, COSTA Patrizia, FERRO Michele, PULEJO Giuseppa ed ORITI Cirino, nell’ambito della quale venivano fatte prostituire 4 ragazze;
  3. Casa “SCUCCHIA”, di SCUCCHIA Pietra ed affiliato GUARNERA Antonino, all’interno della quale si concedevano a pagamento 4 ragazze;
  4. Casa “PIAZZA”, di PIAZZA Vincenza, che era solita ospitare gli incontri di 2 ragazze;
  5. Casa “DI PIETRO”, di DI PIETRO FAZIO Santina, alla quale venivano indirizzate 2 ragazze;
  6. Casa “PASCALE”, di PASCALE Alfredo ed EDIRISINGA ARACHCHIGE Mallikawathi, i quali, pur avendo un ruolo meno attivo nell’ambito del sodalizio, contribuivano mettendo a disposizione la propria casa per gli incontri tra 2 ragazze ed i clienti del momento, laddove le altre fossero impossibilitate a farlo.

Particolarmente sconvolgente è quanto emerso in relazione a BARRILE Antonino il quale, oltre a far parte dell’organizzazione, è altresì ritenuto responsabile, insieme ad altri 5 degli indagati, di sfruttamento e riduzione in schiavitù nei confronti della propria convivente, sulla quale veniva esercitata una forma di coercizione fisica e psichica, facendo leva sul suo stato di debolezza mentale.

E’ stato stimato che i proventi dell’organizzazione, disarticolata con questa operazione, ammontassero ad una cifra media di 1.000 euro al giorno.

L’indagine, nell’ambito della quale sono state emanate le 17 misure cautelari, vede coinvolti ed iscritti sul registro degli indagati 20 soggetti.

arrestati-camelot

Operazione Camelot. Nelle prime ore del 15 febbraio, la Squadra Mobile di Messina ha dato esecuzione all’Ordinanza di applicazione di Misure Cautelari emessa dal GIP presso il Tribunale di Patti, nei confronti di otto soggetti, in quanto ritenuti responsabili, a vario titolo, di far parte di un’associazione per delinquere, operante nel Comune di S. Agata Militello, finalizzata alla commissione di una serie di reati contro la Pubblica Amministrazione, quali turbata libertà degli incanti, abuso d’ufficio, falso in atto pubblico.

Nel mese di febbraio scoppia la protesta degli studenti del Liceo Lucio Piccolo di Capo d’Orlando che sfocia in una polemica tra preside e corpo docente e Sindaco di Capo d’Orlando Enzo Sindoni.

Il 26 febbraio una notizia ha gelato il cuore di tutta Torrenova e non soltanto. A soli 35 anni è morta l’ex assessore Simona Ferrante a causa di un tumore che non le ha dato scampo.

frana nasoIl 25 marzo torna alla ribalta il problema del dissesto idrogeologico soprattutto nel comune di Naso. Mancano i soldi per poter far partire le indagini idrogeologiche e sopratuttto i lavori. Il paese di Naso ne è la prova tangibile, basti pensare ai crolli delle strade sui versanti Gattina, Badè e Maina. E’ nelle intenzioni del Sindaco Letizia, con il finanziamento ottenuto di € 2.505.300,00 dall’Assessorato Territorio e Ambiente circa un mese fa per il primo stralcio di consolidamento del centro storico, utilizzare questi fondi per un intervento a valle articolato in tre step.

Incidente-Palermo-Messina

Verso la fine del mese di marzo, all’altezza di Cefalù, un autocompattatore giunto all’interno della galleria Battaglia, ha perso il controllo del mezzo ed è rimasto al centro della sede stradale. Due auto, una Station Wagon e una Smart, sopraggiunte qualche secondo dopo non hanno potuto evitare il grosso mezzo. Chi era sul posto ha raccontato di avere visto una scena raccapricciante. Il bilancio accertato è di quattro morti. Le vittime sono l’autista di un autocompattore, e altre tre persone, tra cui una bambina. Ci sarebbero anche tre feriti gravi, tra cui una donna incinta.

buscemi

Il 3 aprile una bella notizia per un giovane di Capo d’Orlando. Alessio Buscemi, orlandino doc, scelto da Raffaella Carrà per far parte della sua squadra nella seconda edizione del talent show di Rai Due “The Voice of Italy”. Non è lunga la sua partecipazione ma l’evento è stato accolto con grande entusiasmo dalla comunità paladina.galati-02

L’8 aprile ennesimo incidente mortale questa volta a Galati Mamertino in località Paratore nella scorrevole che conduce al Comune montano.Una Fiat Punto condotta da Giacomo Carcione, 77enne, ha sfondato il guard rail ed è precipitata nel burrone sottostante. L’uomo è morto sul colpo, mentre la moglie Giovanna Parafioriti, che viaggiava sulla stessa auto, è stata trasportata in condizioni non gravi, al vicino ospedale di Sant’Agata Militello.

rosmarino-04

Una devastante frana ha colpito la strada che collega i comuni di Torrenova e Sant’Agata Militello il 23 aprile

suino-01

Il 24 aprile l’incredibile passeggiata del suino per le vie del centro di Capo d’Orlando. Indisturbato l’animale ha percorso gran parte dell’isola pedonale, soffermandosi proprio davanti al palazzo municipale per poi dirigersi verso la stazione ferroviaria.

salmeri

Ma il mese si chiude con la tragedia stradale del 27 aprile. Sull’autostrada A/20 all’altezza del viadotto di Montagnareale perde la vita Marco Salmeri, giovane 23enne di Milazzo. L’incidente sembra sia stato autonomo, coinvolti anche due suoi compagni di squadra, Giuseppe Guido e Michele Alizzi.

Il 5 maggio a Brolo viene scoperta una violenza di gruppo su minore con disturbi psichici pare consumata all’interno dell’istituto alberghiero.

marco-campisi

L’11 maggio un giovane di 22 anni, Marco Campisi, si trovava seduto insieme ad alcuni suo amici all’interno dell’esercizio commerciale. Una serata trascorsa, come sempre, in compagnia dentro il bar del paese. All’improvviso, mentre aveva ancora il proprio cellulare in mano ha accusato un malore. Caduto dalla sedie è stato prontamente soccorso dai suoi amici ma da subito le condizioni di Marco sono sembrate gravissime.

Sul ponto è giunta un ambulanza del 118 che ha cercato di rianimare il giovane 22enne con il defibrillatore ma non c’è stato nulla da fare.

Qualche giorno dopo, sempre sui Nebrodi e precisamente a Sinagra un suicidio apparentemente immotivato. Gaetano Arriese, classe 1984, si è infatti tolto la vita impiccandosi. Il ragazzo, senza apparenti problemi economici, familiari e sentimentali, lavorava come elettricista presso una nota ditta di impianti del centro nebroideo.

COPERTINA-ELEZIONIE’ tempo di elezioni a Brolo ed Irene Ricciardello viene eletta Sindaco, il primo donna del centro tirrenico. La vicenda dei mutui fantasma (che tratteremo più avanti) ha scosso l’intera comunità brolese.

Il 6 giugno a Sant’Agata Militello i Carabinieri, in collaborazione con i rispettivi Comandi Arma del luogo, in Tortorici, Rocca di Capri Leone, Galati Mamertino, Milazzo, Centuripe (EN) e Catania, hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare nei confronti di 22 soggetti, coinvolti a vario titolo in una ramificata organizzazione criminale, con base in Tortorici, votata stabilmente al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, cannabis indica e hashish. Il GIP del Tribunale di Patti, con l’ordinanza eseguita quella notte, ha ravvisato l’esistenza del reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti (ex art. 74 D.P.R. 309/90) e di numerosi episodi di spaccio di stupefacenti.

nudo-spiaggiaSempre lo stesso giorno a Capo d’Orlando riportiamo dell’avvistamento di bellezze “senza veli” nei pressi di Villa Bagnoli, sulla spiaggia che costeggia il porto di Capo d’Orlando. Un vero e proprio set fotografico con 3 modelle nude che posano vista mare.

trio-messinese

E’ stato un anno importantissimo per lo sport nella provincia di Messina. L’Orlandina Basket dopo aver perso la finale promozione contro Trento viene ripescata come miglior classificata dopo il fallimento di Siena, l’ASD Costa d’Orlando vince il campionato di Serie D e compie un salto di categoria che l’affaccia nel mondo della serie C1 nazionale sempre alla guida di coach Condello. La vittoria di Vincenzo Nibali del Tour De France è arrivata ufficialmente qualche ora dopo quella di Daniel Ricciardo nel Gran Premio di Ungheria e queste hanno preceduto di circa sette giorni l’ottavo titolo mondiale conquistato in Belgio da Tony Cairoli .

maurizio

Il 4 luglio la notizia del suicidio di un giovane barman sconvolge la comunità di Sant’Agata Militello. Lavorava presso un noto esercizio del centro santagatese, nei pressi del Tribunale. Una comunità scossa dall’accaduto perché Maurizio era conosciuto da tutti per la sua disponibilità e gentilezza.

ritrovamento-vincenzo01
Ma è il 22 luglio che a Capo d’Orlando viene ritrovato il corpo purtroppo senza vita di Vincenzo Oddo, ragazzo di 24 anni scomparso tre giorni prima in mare a Brolo. Il corpo del giovane è stato ritrovato nei pressi del Cineteatro.

rapina-carige-1

Il 7 agosto a Capo d’Orlando rapina in banca alle 17,30. E’ successo in pieno centro a Capo d’Orlando presso la filiale Carige di Via Amendola. Pare che quattro malviventi, coperti da casco e passamontagna, si siano introdotti all’interno dell’istituto bancario, dalla porta sul retro del plesso.

Brolo1.jparreg

Ma è il 18 agosto che il Comune di Brolo viene scosso dagli arresti scaturiti dall’inchiesta sui “mutui fantasma”. Coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Patti uomini dei Comandi Provinciali della Guardia di Finanza e dell’Arma dei Carabinieri di Messina hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del responsabile dell’area economico-finanziaria del Comune di Brolo, a sei ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti dell’ex sindaco dello stesso Comune, di dipendenti e della figlia del responsabile dell’area economico-finanziaria dell’ente locale, ed a tre misure di divieto di dimora nei confronti dell’ex vicesindaco del Comune di Brolo e di due dipendenti del medesimo ente, a seguito del provvedimento emesso dal G. I. P.. I reati contestati a vario titolo ed in concorso fra loro sono il falso materiale ed ideologico commesso dal pubblico ufficiale in atto pubblico, la truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche ed il peculato per aver distratto a proprio favore somme di denaro dalle casse del Comune di Brolo, con riguardo alle annualità 2011, 2012 e 2013. Le indagini svolte dai Carabinieri e dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria, possono suddividersi in due filoni. Il primo ha avuto come oggetto l’accensione di tre mutui alla Cassa Depositi e Prestiti da parte del Comune di Brolo, per mano dei responsabili dell’Area Amministrativa Carmelo Arasi e Costantino Maniac, per opere edilizie mai realizzate. Le opere in questione sono il Palazzetto dello Sport, le opere di miglioramento sismico per l’edificio della scuola elementare “Centro” di Brolo ed infine le opere di urbanizzazione primaria afferenti località Sirò. I mutui sono stati tutti richiesti e concessi tramite documentazione che tre degli indagati, a vario titolo, hanno indebitamente modificato al fine di ottenere dalla Cassa Depositi e Prestiti elargizioni superiori rispetto a quelle stabilita nelle delibere del Consiglio Comunale, per un valore complessivo di circa 3,2 milioni di euro. Inoltre, venivano falsamente attestati stati di avanzamento lavori tramite la presentazione di dichiarazioni di spesa fittizie in relazione ai quali la Cassa Depositi e Prestiti effettuava i propri versamenti. Tutto ciò ha comportato un afflusso di denaro nei conti del Comune di Brolo a completa disposizione del responsabile dell’Ufficio dell’Area Finanziaria che, come appurato, destinava il denaro in maniera del tutto arbitraria, emettendo mandati di pagamento non supportati da idonei atti autorizzativi e/o con causali false, gonfiandoli negli importi. Il secondo filone investigativo ha riguardato invece come questo denaro sia stato arbitrariamente utilizzato e distribuito a favore di persone fisiche e associazioni sportive. Qui emergono le figure dell’ex sindaco di Brolo, Salvatore Messina, dimessosi nel novembre 2013 dopo aver ricevuto l’Informazione di Garanzia quale persona indagata, e di numerosi altri beneficiari. Le due società sportive beneficiarie delle somme illecitamente distratte, Volley Brolo e Volley Mar Tirreno, sono tutte riferibili all’ex sindaco. L’ex primo cittadino ha ricevuto, inoltre, anche versamenti di denaro sui propri conti che non trovano giustificazione in alcun atto, prelevando, con l’aiuto di un collaboratore compiacente, sotto forma di anticipo, denaro contante per migliaia di euro senza aver mai giustificato o rendicontato le spese sostenute con fatture. Lo stesso Carmelo Arasi ha emesso mandati di pagamento ideologicamente falsi a suo favore appropriandosi indebitamente di circa 380mila euro.

BALCONE

Il 29 agosto in contrada Cuccubello a Sant’Agata di Militello, in zona cimitero è crollato un balcone. Su questo sostavano più persone, finite nel giardinetto sottostante. Gravissimo un uomo trasportato all’ospedale di Patti insieme ad una donna.

Andrea-Galati

19 settembre –  Tragedia in Campania. Andrea Galati, 28enne di Tortorici ma residente a Rocca di Capri Leone, ha perso la vita finendo travolto da un treno lungo la tratta Battipaglia-Salerno. Il dramma si sarebbe consumato intorno alle 22. Su questa morte molti misteri.

Foto-incidente

A Capo d’Orlando il 18 ottobre incidente sulla via Nazionale. Un SUV che procedeva sulla strada paladina in direzione Palermo-Messina ha accidentalmente travolto una donna, C.G.di anni 76, che stava attraversando la carreggiata poco distante da un noto mobilificio. Sull’accaduto prima si era parlato di omissione di soccorso in quanto dopo le prime testimonianze sembrava fosse stata una Jeep che poi si era data alla fuga. Gli inquirenti hanno successivamente accertato che sarebbe stato il SUV a travolgere la donna.

passeggino-01

Il giorno della festa patronale a Capo d’Orlando si sono vissuti attimi di panico per le vie del centro. Il 22 ottobre mentre la Guardia di Finanza stava effettuando un controllo anti contraffazione ed aveva cominciato a sequestrare della merce ad un ambulante senegalese. Il ragazzo ha pensato bene di defilarsi “gattonando” dal controllo introducendosi all’interno della propria autovettura parcheggiata nelle vicinanze. Durante la sua folle corsa ha anche investito una famiglia che stava percorrendo la Via Alessandro Volta spingendo un passeggino con un bambino.

san-gregorio

Il 29 ottobre tutta Italia ha parlato di Capo d’Orlando per la notizia diffusa dall’ANSA che la spiaggia di San Gregorio, che aveva inspirato la canzone a Gino Paoli “Sapore di sale” era scomparsa.

tentato suicidio

Il 16 novembre un tentato suicidio a Santa Carrà. Voleva togliersi la vita con un coltello da cucina un uomo di Sinagra.

Due gorni dopo, il 18 novembre sempre a Capo d’Orlando un fortunato giocatore del Lotto si è aggiudicato la somma record di 117 mila euro e 30 centesimi. La porta è quella della ricevitoria di via Consolare Antica, 572 di Nunzio Muscarà dove è stata giocata la combinazione vincente, che ha fatto sorridere l’ignoto fortunato. I numeri sono stati il 10,34,48,80 su quali è stato puntato solo un euro.

Il 18 dicembre è l’arresto dell’ex deputato di Forza Italia Massimo Romagnoli viene arrestato con l’accusa di aver tentato di vendere armi di tipo militare per l’impiego contro gli americani in Colombia.

Ma il 2014 si è anche concluso con l’inizio dei lavori del porto di Capo d’Orlando proprio a ridosso del Natale. Naturalmente, ripetiamo, abbiamo inserito soltanto gli articoli che pubblicati su 98zero.com hanno attratto particolarmente la vostra attenzione. Si tratta degli avvenimenti più letti del 2014. Ancora buon anno a tutti.

 

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close