ANG_2214

Troppa Olimpia per l’Upea, Milano vince 98-69

ANG_2214

Capo d’Orlando – Nessuna sorpresa nella dodicesima giornata del campionato di basket di Serie A Beko. L’Upea Capo d’Orlando esce nettamente sconfitta dal Mediolanum Forum di Milano contro la corazzata EA7 Emporio Armani per 98-69 dopo un incontro giocato per tre quarti a senso unico.

In avvio di gara è pioggia di triple. A Moss risponde Freeman, ma con Melli e Meacham, intervallati dall’orlandino Burgess, i padroni di casa si portano subito avanti (12-6 al 3′). Burgess in lunetta è preciso, Freeman e Henry realizzano appoggiando al ferro, coach Banchi chiama time-out per spezzare il break di 0-6 (13-12 dopo 6’). L’effetto non è quello sperato: Archie intercetta in difesa e Freeman sul capovolgimento in fade away dà il vantaggio all’Upea (13-14). Arriva la reazione dei padroni di casa con Samuels e un canestro da fuori di Ragland, ma l’Orlandina tiene botta andando a segno con Archie e Henry da 3 (23-19 all’8′). Dominique Archie trova il varco in penetrazione e vola a schiacciare su James, poi dopo una buona difesa e aver recuperato palla, l’ala perde banalmente la sfera e il primo quarto termina 27-21.

La seconda frazione inizia con il break dell’Olimpia (7-0) interrotto da Sek Henry con un tiro dai 6,75 m. Realizza da sotto Hunt, ma Ragland è incontenibile in penetrazione e glaciale dall’arco. Al 15′, sul 40-26, coach Griccioli chiama time-out, è ancora Henry il più propositivo dei siciliani e con il canestro più fallo è già in doppia cifra (11). Il roster di coach Banchi straripa per qualità e quantità, è quindi Moss ad aprire una striscia con 5 punti e un assist per James (51-31 al 19′). Si va all’intervallo sul +20 Olimpia.

Al rientro sul parquet è Austin Freeman a realizzare per primo con un lay-up appoggiato al tabellone. Henry fino in fondo, il ferro sputa fuori due tiri di Basile dall’arco, ma nulla può con i due scagliati da capitan Soragna (58-42 al 26′). Rallentano notevolmente i ritmi di gioco, Archie conquista un rimbalzo offensivo e realizza nel pitturato, ma l’ex Lakers Brooks si mette in proprio e con 7 punti di fila allarga il divario e costringe Griccioli al time-out. Si va all’ultimo riposo sul 71-44.

Nei dieci minuti finali l’Orlandina non si arrende e gioca ogni possesso con dignità e coraggio contro una squadra che ambisce ai più prestigiosi palcoscenici. Al 34′ il parziale è 82-57 con i primi punti per Nik Cochran in maglia Upea. Gli ultimi minuti di gara sono puro garbage time, in cui i padroni di casa cercano giocate spettacolari e di arrivare, spinti dal pubblico, ai 100 punti. Nel finale c’è spazio anche per Marco Strati ma la testa dei paladini è già a lunedì, a Varese e soprattutto al ritorno del “Poz” a Capo d’Orlando.

EA7 Emporio Armani Milano-Upea Capo d’Orlando 98-69 

EA7 Emporio Armani Milano: Ragland 12, Brooks 19, Fumagalli, Cerella 4, Melli 12, Meacham 5, Kleiza 8, James 6, Samuels 11, Moss 14, Gigli 4, Villa 3. All. Banchi.

Upea Capo d’Orlando: Archie 8, Freeman 13, Hunt 2, Basile 3, Soragna 8, Cochran 8, Burgess 5, Henry 25, Bianconi, Strati. All. Griccioli.

Parziali: 27-21; 51-31; 71-44; 98-69.

Arbitri: Mattioli, Rossi, Lo Guzzo.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close