Tiger Batti

La Tiger affonda una giovane Battipagliese, Due Torri a testa alta

Tiger Batti

Piraino – Una reboante vittoria e una sconfitta di misura il bottino domenicale delle squadre messinesi impegnate nel sedicesimo turno del Girone I di Serie D. La Tiger supera per 4-0 una Battipagliese giovanissima, il Due Torri perde 1-0 a Rende ma chiude l’anno a testa alta. Nell’anticipo del sabato, intanto, l’Orlandina è stata strapazzata 0-6 sul neutro del “Vasi” di Piraino dalla Neapolis. Per i campani a segno, con tre doppiette, Prisco, Amato e Moxedano. Tutto è successo nel primo tempo, con la ripresa giocata al piccolo trotto dagli azzurri ospiti contro dei paladini scesi in campo in otto uomini, di cui sette classe 1997 e uno classe 1998, sotto la guida di mister Santo Mazzullo.

Tornando al vero calcio giocato, vivono momenti complicati sia la Tiger che la Battipagliese, che al “Vasi” di Piraino si sfidano per tre fondamentali punti in chiave salvezza. I “tigrotti” di mister Santino Bellinvia, privi per squalifica della coppia centrale Librizzi-Falanca e del fantasista Di Senso, scendono in campo con un 4-2-3-1 che vede Sparacello fulcro offensivo con alle spalle il trio Calabrese-Lupo-Saani. Rispondono i bianconeri di mister Aniello Adesso con un 4-3-3 sperimentale e imbottito di juniores che si affida alle giocate di Odierna e Minnucci. Arbitra l’incontro la signorina Graziella Pirriatore della sezione di Bologna, assistita dai signori Zangara di Catanzaro e Sciammarella di Paola.

Nei primi minuti di gioco le squadre si studiano. La prima opportunità è per la Battipagliese: minuto numero 6, punizione di Odierna dal vertice destro dell’area di rigore, blocca Mannino. Al 12’, al primo vero affondo, i padroni di casa passano. Zingales va via sulla sinistra, cross raccolto sul secondo palo da Calabrese che fa la sponda per l’accorrente Sparacello che da due passi non può sbagliare, 1-0 Tiger. Superato un primo momento di smarrimento, i bianconeri reagiscono. Al 25’ Santese salta con il controllo il proprio marcatore e con l’esterno destro dal limite non trova la porta di un soffio. Stessa sorte, poco dopo, per il sinistro di Minnucci, pescato da un illuminante lancio di Odierna. Gli ospiti sono vivaci ma inesperti e i locali ne approfittano senza pietà. Al 36’ Saani sfonda sulla sinistra e impegna De Marino con un diagonale messo in angolo dal portiere campano. Sul successivo tiro dalla bandierina, De Cristofaro pesca solissimo in area di rigore Kouadio che in spaccata fa secco l’estremo difensore bianconero, 2-0 e primo tempo che va così in archivio senza ulteriori emozioni.

La ripresa si apre con l’espulsione per proteste del tecnico campano Adesso. Poco più tardi, al 52’, Kouadio viene trattenuto in area di rigore sugli sviluppi di un corner di De Cristofaro: per la signorina Pirriatore è penalty. Dal dischetto si presenta Calabrese: palla da un lato, portiere dall’altro, 3-0 per i brolesi e partita in ghiaccio. Dopo il tris giallonero, la gara inevitabilmente perde di intensità nonostante i tentativi da parte degli ospiti di siglare il gol della bandiera. Sica batterebbe anche Mannino dopo un buon assist del positivo Minnucci ma la terna annulla per posizione di offside del classe 1996 bianconero. Al 75’ la Tiger dilaga. Palla recuperata in zona offensiva, Bica Badan appoggia per Calabrese che dal limite, con un gran tiro a giro, batte De Marino e cala il poker giallonero, 4-0. All’88’ Odierna cerca gloria con una conclusione da lontanissimo che si perde però alta. Un minuto dopo è Minnucci a scagliare una sassata che costringe Mannino alla grande deviazione in angolo. Questa è l’ultima azione degna di nota di una partita che, dopo 3’ di recupero, si conclude con la vittoria per 4-0 dei “tigrotti”, che possono quindi festeggiare il primo successo da due mesi a questa parte. Per la Battipagliese, invece, terzo ko consecutivo in campionato e quarto di fila in trasferta, con zero gol all’attivo.

Perde 1-0 ma esce a testa alta dal “Lorenzon” il Due Torri dello squalificato mister Antonio Venuto, che si arrende ai padroni di casa del Rende, terza forza del torneo, solo a causa della bella rete realizzata da Gigliotti al 22′. I biancorossi chiudono comunque il 2014 come miglior messinese di Serie D, con 19 punti all’attivo in classifica. 17, invece, sono i punti della Tiger, mentre l’Orlandina è ultima con 6 punti (-2 di penalizzazione) e vicina alla definitiva radiazione.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close