IMG_9824

Bene Milazzo e la nuova Stefanese, 2-2 tra Iniziativa e Ciappazzi

IMG_9824

San Piero Patti – Ultima giornata del girone di andata per le messinesi impegnate nei gironi di Eccellenza e Promozione.

Nel massimo campionato siciliano è un punto d’oro quello conquistato da un’Igea Virtus poco in forma, ma che grazie a Genovese esce imbattuta dal campo di uno Scordia galvanizzato e in forte risalita.

Approfitta del pari l’SS Milazzo, che con D’Anna e Parisi supera 2-0 lo Sporting Viagrande.

Più in basso, nei due anticipi, la Mamertina esce battuta per 1-0 dal Real Calcio e il Sinagra suda ma vince per 4-3, all’84’, contro il Mistretta. In gol Svelti, Fazio e per due volte Tuccio, poi decisivo. Il Castelbuono schianta poi 4-0 il Città di Sant’Agata, mentre il CUS Palermo batte al domicilio il Merì. Un rigore di Villafranca regala invece la prima vittoria interna alla Stefanese, sul Campofelice,  mentre la Santangiolese frena la sua cavalcata facendo 0-0 col Montemaggiore.

Pari ad alti ritmi tra Iniziativa e Ciappazzi, con i sampietrini autori di un’ottima gara poi raggiunta dopo il 2-0. Di questo match riportiamo il commento.

Brillante e delusa l’Iniziativa San Piero Patti che vede sfumare i tre punti contro l’ultima classificata Ciappazzi riuscita, con grande sforzo, a ripianare un doppio svantaggio alleggerito da 20 minuti di superiorità numerica. I sampietrini riescono infatti a far propria una gara partita sul più noioso dei batti e ribatti e nonostante le tante punizioni assegnate sui 20m agli ospiti, creano e concretizzano un’enorme mole di gioco.

L’andamento del match propone, nel primo quarto d’ora, grande disordine tra gli schieramenti contrapposti ed al 17’ Bongiovanni, con un inserimento ben riuscito sulla fascia, spinge in area senza trovare saltatori.  Quattro minuti più tardi Leone calcia forte su punizione ed Arasi è sicuro, da fermo, liberandosi coi pugni. Dopo la mezz’ora è sempre la Ciappazzi a guadagnare punizione perdendo il possesso in area avversaria e si fanno più pungenti le ripartenze locali. Cappadona appoggia per Cariolo venendo intercettato da Bucca ed un cross largo di Masi, ad area sguarnita, non viene raggiunto da nessun attaccante. Sul finire del primo tempo sono numerose le emozioni ed al 45’, prima di un lungo recupero, l’Iniziativa reclama rigore su Cariolo, infastidito da dietro sull’assist di Masi con piena visuale di gioco. Castellino colpisce poi di testa, con Bucca che para bene in tuffo e innesca il ribaltamento di fronte. Su questo c’è un Arasi prodigioso, che in due tempi blocca una strana traiettoria tesa ad insidiarlo senza dover ricorrere al corner. Negli ultimi secondi della prima frazione Cariolo è chiaramente atterrato a contatto con il limite dell’area di rigore e guadagna una punizione. Da lì, Adamo riceve e controlla poco più distante, scagliando fuori.

Il secondo tempo sembra cominciare come il primo ma dopo 10 minuti l’Iniziativa preme sull’acceleratore, offrendo Cariolo e Cappadona in costante aumento di velocità. Il primo dribbla al 56’ e una volta tagliata l’area con un cross, trova Bongiovanni, che in corsa non controlla e va di prepotenza sul fondo. Al 60’ ci pensa allora Cappadona a condannare la difesa ospite e lo fa tramite Borelli, d’intralcio al cross in favore di Castellino fino ad andare in autorete. Non passano nemmeno tre minuti che ancora Cappadona, ex della squadra di Terme Vigliatore, realizza il 2-0 e lo fa schiantando alle spalle di Bucca la verticalizzazione di Genes. L’Iniziativa cerca così di gettarsi alle spalle la pratica Ciappazzi e, dopo pochi secondi dal 2-0, trova Castellino slegato dalla difesa, respinto nel tu per tu con Bucca. Al 66’ Rizzo approfitta della foga in campo e trova la difesa scompaginata, accorciando le distanze. Il centrocampista riceve una palla poco limpida lanciata dal centrocampo e trafigge di testa Arasi in uscita. Passa poco perché Fragalà sommi due tra le tante ammonizioni distribuite all’Iniziativa, facendo di Castellino, tramite la sua espulsione, il capro espiatorio tra i compagni. Rimasta in dieci l’Iniziativa cerca il 3-1 senza potersi scoprire e la Ciappazzi resta guardinga qualche minuto, per poi gettarsi alla ricerca di ogni traiettoria. Torre, al 73’, spedisce alto faccia a faccia con Arasi e Cappadona, servito da Cariolo, trova Bucca in avanzata senza poter concludere. All’87’ i termensi riescono a pareggiare e su calcio di punizione di Leone, Torre segna di testa riequilibrando il risultato. Nel recupero l’Iniziativa avrà ben tre occasioni e dopo aver concluso di poco alto, con Cariolo, troverà Stefano Bucca a parare gli ultimi due tentativi.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close