Due Torri Tiger

1-1 tra Due Torri e Tiger, l’Orlandina non si presenta

Due Torri Tiger

Piraino – Finisce con un pareggio per 1-1 il derby di Serie D tra Due Torri e Tiger, che si dividono la posta in palio nella quindicesima giornata di campionato nonostante un predominio complessivo di marca giallonera. L’Orlandina, invece, rinuncia alla trasferta di Sorrento e perde così 3-0 a tavolino contro i campani.

Grande pubblico al “Vasi” di Piraino per il primo, storico derby in quarta serie tra Due Torri e Tiger Brolo. Mister Venuto schiera i suoi biancorossi con un camaleontico 4-2-3-1 che vede Puntoriere riferimento in attacco, coadiuvato da Scolaro, Lima e Scaffidi. In difesa, out Tricamo, dentro il nuovo acquisto Matinella. Risponde la Tiger con il solito 4-3-3 con in porta l’ex Akragas Valenti e in avanti Aloe e Calabrese ai lati di Sparacello. Arbitra il signor Cipriani di Empoli, suoi assistenti sono i signori Fraggetta di Catania e Grasso di Acireale.

Nonostante le pesanti assenze di Librizzi, Zingales e Di Senso, parte meglio la Tiger, che al 4’ sfiora già il gol con una conclusione sporca di Falanca in mischia dopo una punizione di De Cristofaro, Ingrassia para in due tempi. Al 6’ opportunità enorme per Aloe. Sparacello ci prova da fuori, dopo una deviazione il tiro del centravanti diventa un assist per lo stesso Aloe che, a tu per tu con l’estremo difensore locale, si fa ipnotizzare: sinistro a giro parato e match inchiodato sullo 0-0. Minuto numero 18, ancora Tiger in avanti con il calcio d’angolo di De Cristofaro che trova liberissimo sul secondo palo Calabrese. L’attaccante giallonero è però poco preciso e di testa mette a lato. Al 30’ altra grande occasione per la squadra brolese. Aloe va via sulla destra, scarica per Kouadio che, di piattone da ottima posizione, fa solo la barba al palo. Il gol ospite è però nell’aria e puntuale arriva al 41’ quando, dopo una bella parata di Ingrassia su tiro di Falanca, Sparacello raccoglie la ribattuta del portiere pirainese e lo batte con un preciso diagonale, 0-1 Tiger più che meritato. Mister Venuto capisce che il Due Torri non gira e al 44’ spedisce in campo Cicirello e Dalì al posto di uno spento Gaglio e di un impalpabile Lima. Il primo tempo va comunque in archivio con i “tigrotti” avanti di una rete nei confronti di un Due Torri irriconoscibile.

Inizia la ripresa e finalmente in avanti si vede anche il Due Torri. Scolaro sfonda sulla destra al 53’, traversone per Puntoriere che si avvita bene e di testa impegna Valenti, che con un colpo di reni mette in angolo. Al 73’, sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina di Provenzano, Cicirello fa la sponda per Cassaro che però, nonostante la libertà concessa dalla difesa ospite, non trova l’impatto buono con la sfera. Al 76’ il Due Torri, dopo tanti tentativi a vuoto, perviene al pari. Cross dalla sinistra di Cicirello, Falanca viene a contatto con Puntoriere in area di rigore. Per il signor Cipriani non ci sono dubbi, è penalty. Dagli undici metri lo stesso Puntoriere batte Valenti regalando l’1-1 ai padroni di casa. Due minuti dopo, nuova svolta nel match, con il direttore di gara che decide di allontanare dal campo Scolaro, reo di aver colpito duramente Lupo, Due Torri in dieci uomini per gli ultimi 11’ del match. La Tiger prova a spingere ma le idee sono poche e confuse. I padroni di casa si difendono con ordine e strappano un pareggio quasi insperato dopo il bruttissimo primo tempo disputato. Per i gialloneri la sensazione è quella di aver buttato due punti in un incontro per larghi tratti condotto senza grandi difficoltà. Le due squadre muovono comunque la classifica, con i pirainesi che salgono a quota 19 punti e i brolesi che toccano quota 14 punti in graduatoria.

Come preventivato, intanto, l’Orlandina non si è presentata a Sorrento per disputare la sfida contro i rossoneri padroni di casa. Prima rinuncia per i paladini, che oltre le penalizzazioni maturate subiranno anche una multa da parte della Lega. Per la squadra di Capo d’Orlando è il primo, inequivocabile segnale ufficiale di una resa ormai nell’aria da tempo. Ritiro immediato o quattro rinunce cambia poco. Il destino dell’Orlandina pare negativamente segnato.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close