capo-timpanaro-e-sindoni

Consiglio Comunale, no della minoranza al mutuo per il lungomare

capo-timpanaro-e-sindoni

Capo d’Orlando – Consiglio Comunale proficuo quello di ieri per Capo d’Orlando.

Poco meno di quattro ore di lavori sono infatti servite per esitare i sei argomenti previsti. In apertura il Sindaco Enzo Sindoni ha ufficializzato il completamento dell’iter burocratico per l’inizio dei lavori del porto. Sindoni ha messo al corrente i Consiglieri che mercoledì 19 a Palermo è stata firmata la concessione demaniale dell’area di contrada Bagnoli di Capo d’Orlando, in cui ricade la zona portuale e che entro il 15 dicembre verrà aperto il cantiere.

Approvata con i voti della maggioranza la ricognizione dei mutui che consentirà di ridurre di oltre 290.000,00 € l’ammontare delle rate a partire dal 2015. Così come annunciato nella conferenza stampa nel mese di ottobre, è stato approvato il Mutuo Cassa DD. PP S.p.A. per i “Lavori di riqualificazione del Lungomare A. Doria, tratto compreso tra la via S. Giuseppe e la via Cordovena. Il punto è stato approvato con il solo voto contrario dei gruppi: “Librizzi Sindaco” e “Democratici per Capo d’Orlando”.

A tal proposito, i contrari si sono espressi specificando che il voto è riferito al metodo e non all’opera in sé.

“Con il voto contrario espresso dai consiglieri di opposizione sui mutui non siamo contro l’opera ma contro il metodo. Dopo quasi vent’anni, alla scadenza del suo quarto mandato, il sindaco si accorge del lungomare e dell’esigenza di riqualificarlo. Prima 800.000,00 euro di finanziamento per 100 metri, poi la solita ordinanza contingibile (senza) urgenza e, infine, il colpo di teatro, un mutuo “blindato” a condizioni improponibili per trent’anni, l’ennesimo balzello da lasciare in eredità sulle spalle dei cittadini.

A questo abbiamo votato contro non all’opera in sé e per sé. Senza dire che questo è lo stesso sindaco che governava quando la Provincia regionale di Messina ha realizzato il tratto  di muro del lungomare che adesso vuole demolire; nel progetto, infatti, alla voce demolizioni, ci sono circa settantamila euro di soldi pubblici.

Dov’era il sindaco quando la Provincia regionale ha realizzato questo tratto di Lungomare?

Perché, all’epoca, non è stata pianificata la realizzazione di questo progetto di concerto con la Provincia?

Perché demolire opere realizzate con soldi pubblici, non ci sono altre priorità?

Ma non è tutto. Il lungomare più bello d’Europa ha la sua funzionalità, se sotto la strada, c’è la condotta fognaria più efficiente d’Europa e, se alla fine della condotta, c’è il depuratore più tecnologico d’Europa; la “politica” di sistemare solamente ciò che si vede ci ricorda tanto la cipria del “Re Sole” e non ci trova d’accordo.

In tempi di crisi, noi siamo contrari all’improvvisazione, all’approssimazione, al vivere alla giornata, al procedere per tentativi; la nostra visione del governo locale è diversa; ecco perché abbiamo votato contro il “metodo Sindoni”.

Gaetano Sanfilippo Scimonella                      

Salvatore Alessio Micale 

Giuseppe Trusso Sfrazzetto                                           

Gaetano Gemmellaro”

Con il solo voto della maggioranza sono stati approvati: l’assestamento di bilancio di previsione 2014/2016 e la contrazione del mutuo con l’Istituto Credito Sportivo che servirà ad ammodernare il F. P. Merendino. Nel glorioso impianto calcistico, verranno realizzati due campi in sintetico omologati per i campionati dilettantistici regionali ed una tribuna per gli spettatori.

«Sono soddisfatto per come si è svolto il Consiglio Comunale – ha dichiarato il presidente Gianfranco Timpanaro –. In un clima di serenità e confronto democratico, ancora una volta i Consiglieri hanno dato dimostrazione di grande maturità e responsabilità. In un momento di grande difficoltà le nostre scelte oculate ed innovative, oltre a dare un impulso all’economia, continuano a rendere Capo d’ Orlando bello ed efficiente».

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close