Seminario1Antoci

Parco dei Nebrodi, coinvolgere le comunità locali nei processi decisionali.

Seminario1Antoci

 Sant’Agata Militello – Alla presenza di un numeroso ed attento pubblico si è concluso con successo il Seminario sulla Biodiversità Forestale, svoltosi per tutta la giornata di sabato, 22 Novembre, nella cornice del Castello Gallego a  Sant’Agata Militello. Un incontro organizzato dal Parco dei Nebrodi con il patrocinio dell’Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente, dell’Ente Sviluppo Agricolo (ESA), del Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura (CRA), dell’Istituto Nazionale di Economia Agraria (INEA) – Osservatorio Foreste, dell’Università degli Studi di Palermo (Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali) e C.I.R.I.T.A. (Centro Interdipartimentale di Ricerche sulla Interazione Tecnologia-Ambiente), della Società Botanica Italiana (SBI), di Federparchi, dell’Associazione

Italiana per l’Ingegneria Naturalistica (AIPIN), della Federazione Regionale Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della Sicilia, del Coordinamento regionale Periti Agrari e dell’Associazione Vivaisti Forestali (AVIF). Presenti diverse autorità Istituzionali, sindaci ed amministrazioni locali, tecnici, ricercatori ed esperti, ditte ed imprenditori agricoli che durante la giornata hanno avuto modo di dibattere e relazionare sulla gestione, monitoraggio, conservazione e  valorizzazione della biodiversità.

Una opportunità di dibattito ed un’occasione per fare un bilancio sugli esiti prodotti sulla biodiversità forestale in Sicilia a  quattro anni di distanza dalla pubblicazione della Strategia Nazionale sulla Biodiversità.

 Seminario2Pubblico

“Questo incontro, voluto fortemente dal Parco dei Nebrodi, rappresenta una tappa importante per la biodiversità non solo dei Nebrodi, ma dell’intero territorio regionale. Un momento collegiale per fare il punto della situazione che presenta notevoli problematiche, ma soprattutto per adottare opportune scelte sia da parte degli enti gestori che dal governo regionale, azioni che dovranno comunque prevedere il coinvolgimento delle comunità locali rendendoli partecipi ai processi decisionali e gestionali”. Lo ha dichiarato Giuseppe Antoci, presidente del Parco durante il suo intervento di apertura del seminario.

Presente anche il Direttore generale dell’Assessorato regionale al Territorio ed Ambiente, Gaetano Gullo che durante il suo intervento ha sottolineato come la Regione Siciliana ha attenzionato il rischio della perdità di biodiversità, con le conseguenze che ne possono derivare a danno non soltanto degli ecositemi ed degli agrosistemi, ma anche dei processi economici regionali. Un percorso che Regione Sicilia ha avviato per elaborare una strategia comune sulla biodiversità che coinvolga il più largo numero possibile di cittadini, operatori, responsabili dei vari settori dell’agire umano.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close