DSCN2149

Un Consiglio carico di tensione

DSCN2149

Mirto – Si è tenuto ieri sera, in un clima carico di tensione, l’atteso Consiglio Comunale di Mirto. Finalmente si è ricostituito il plenum all’interno del Consiglio e quindi la riunione si è svolta normalmente, essendoci il numero effettivo di dodici Consiglieri; infatti si è presentato il Consigliere subentrante Patrizia Musca, che ha effettuato il giuramento e ha accettato l’incarico, prendendo il posto del Consigliere dimissionario Giulia Raffiti. Dopo il giuramento, si sono verificate le condizioni di eleggibilità e di candidabilità del nuovo Consigliere e in seguito si sono discussi i tanti punti all’ordine del giorno.

Di importanza vitale è stata l’approvazione del Bilancio di previsione per l’anno 2014, proposta che è stata accettata all’unanimità da tutti i dodici Consiglieri. Prima della discussione del Bilancio, sono stati presentati tre emendamenti. Il primo, sottoscritto dal Capo Gruppo di maggioranza Fabio Barbagiovanni Cirnera e dal Capo Gruppo di minoranza Andrea Raffiti, riguardava il rimborso spese per gli utenti che devono pagare il trasporto scolastico per i propri figli che frequentano le scuole superiori al di fuori del territorio comunale; il secondo, proposto a suo tempo dal Consigliere dimissionario Giulia Raffiti, prevedeva di stanziare delle somme per il servizio civico comunale; il terzo, invece, consisteva di utilizzare 60.500 euro per la creazione di sei punti di accesso info – telematici e la costruzione di una sala di lettura. I tre emendamenti sono passati e dopo è stata effettuata la votazione del Bilancio, che ha ricevuto dodici voti favorevoli. Sia i Consiglieri di maggioranza che quelli di minoranza, comunque, hanno presentato una propria dichiarazione di voto al Bilancio. Il Gruppo di maggioranza, guidato dal Capo Gruppo Fabio Barbagiovanni Cirnera, sottolinea di non accettare le politiche economiche e la gestione delle risorse dell’esecutivo e la scelta di approvare il Bilancio viene effettuata per un senso di responsabilità. La minoranza nei suoi quattro componenti condivide le perplessità della maggioranza, ma comprende come la gestione contabile sia fondamentale per il buon andamento di un’Amministrazione.

Nel corso della Seduta Consiliare sono state confermate le tariffe idriche dell’anno precedente ed è rimasta invariata l’Addizionale Comunale IRPEF. Nel caso dell’aliquota dell’imposta sui redditi delle persone fisiche, sono esenti dal pagamento i cittadini che hanno un reddito inferiore a 10.750 euro. Inoltre sono stati approvati all’unanimità il Regolamento per l’alienazione del patrimonio immobiliare, il prospetto per i servizi pubblici a domanda individuale e il Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari per l’anno 2014. Il Regolamento per l’alienazione del patrimonio immobiliare è formato da 17 articoli e spiega i vari modi per poter vendere i beni, anche attraverso una trattativa privata per i beni di piccola entità. I servizi a domanda individuale si riferiscono alla refezione scolastica per i bambini della scuola materna con la presenza di una cuoca e di un inserviente, e il costo previsto per la mensa è di due euro per ogni pasto. Il Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari è stato accettato, dopo aver votato una proposta del Consigliere di minoranza Carmelo Nici, che esclude dal Piano la vendita della Casa di Riposo, per poter riflettere e ragionare meglio sulla questione.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close