IMG_8778

Rocca-Mamertina d’alta quota, Iniziativa male. Pari Igea-CdM

IMG_8778

San Piero Patti – Undicesima giornata ricca di scontri diretti e sorpassi, per le messinesi impegnate nei campionati di eccellenza e promozione. Nella prima serie regionale l’Igea Virtus viene bloccata sullo 0-0 dal Città di Messina, mentre il Milazzo riposa perdendo momentaneamente la vetta in favore del Vittoria.

In promozione, invece, il Rocca torna ai tentativi di fuga, dopo la rimonta  di sabato del CUS Palermo sul Cefalù, firmata nel recupero da Vitale per un terzo posto in coabitazione tra le palermitane. Sempre nella zona alta il gol di Ivan Onofaro permette alla Mamertina di vincere a Merì e portarsi a due distanze dal Rocca, in attesa del derby di domenica. Più in basso la Santangiolese vince per 1-0 contro il Mistretta, grazie al gol di Bontempo nel recupero e il Sinagra brinda al primo successo stagionale, con il 3-2 in casa del Real Calcio siglato da Anfuso, Fazio e La Torre. Il Sant’Agata pareggia poi 0-0 in casa della Stefanese. Altra storia invece la partita tra Castelbuono 1975 ed Iniziativa, finita 3-1, di cui riportiamo l’intera cronaca.

Prova muscolare per il Castelbuono ‘75, che tra le mura del Failla stende 3-1 l’Iniziativa grazie a due reti segnate nel primo quarto d’ora. I granata salgono così a 21 punti e, portando il distacco coi sampietrini ad 8, si inseriscono nell’empasse creatasi in zona playoff per gli scontri diretti.

Dopo soli 3’ dal fischio d’inizio arriva la prima rete del match, con i padroni di casa che mettono la gara in discesa. Rizzo batte una punizione da 30m e crossa forte sul lato opposto. La palla beffa Svezia insaccandosi a fil di palo. Al nono minuto risponde invece Genes, concludendo sul fondo dalla distanza e Federico Levantino tenta il raddoppio. La punta, in ottima giornata, riceve l’assist di Bonamonte, dopo il recupero di palla nella trequarti avversaria e colpisce l’esterno della rete. Non passa comunque molto perché il risultato si sposti sul 2-0. Levantino prende palla, supera la difesa  e si invola verso la porta di Svezia, che devia abilmente in angolo senza scomporsi. Il portiere si ripete sul primo corner, ma ha la peggio sul secondo, quando Palazzo, sul palo, riceve il corner e serve ancora Levantino di tacco, appostato a raddoppiare di testa già al 15’. La partita è praticamente in ghiaccio e l’Iniziativa prova senza successo a riaprirla. Adamo calcia al 37’ dalla corsia, cercando la testa di Spinella, che viene bloccato in off-side. Chiude allora il primo tempo un nuovo guizzo castelbuonese, quando una palla persa a centrocampo dall’Iniziativa innesca il dai e vai tra Levantino e Marcoccio, col secondo che calcola gli spazi venendo chiuso dalla cerniera Masi-Spinella.

La seconda frazione riparte con le azioni dei padroni di casa, punzecchiati da un’Iniziativa più attenta dietro e insistente nel contropiede.  Il Castelbuono erige allora un muro davanti a Svezia, su corner, e Marcoccio salta con il portiere che utilizza i pugni, mentre al 10° della ripresa lo score cambia ancora. Adami manovra benissimo sulla fascia e imponendosi a contatto con la linea di fondo, serve in velocità Levantino, per il 3-0 segnato sul lato opposto a Svezia. Genes ripropone i suoi più tardi, quando un interessante cross lanciato su lui ed il portiere La Mattina, lo fa sanzionare per fallo. Più tardi Levantino spara dal limite dell’area, alzandosi di poco, con la palla che finisce sul fondo. All’82’ arriva la rete dell’Iniziativa. Svezia calcia a lato area la punizione guadagnata da Germanò e pennella una traiettoria perfetta che vale il gol segnato sotto la traversa. Negli ultimi minuti c’è molta animosità in campo e ne fa le spese Tarantino, espulso dalla panchina Castelbuonese, mentre l’arbitro combina un vero e proprio pasticcio sull’ultima azione degna di nota. Giuttari viene incriminato di un fallo in area da parte degli avversari, ma l’azione prosegue con la palla che viene consegnata a Svezia in rimessa. Qui D’Angelo e l’assistente, dopo svariate proteste, cambiano verticalmente fronte ed assegnano un calcio di rigore al Castelbuono. Dal dischetto Brusca colpisce la traversa, con Svezia che indovina comunque la traiettoria.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close