DSC08084

Inaugurato “Il sentiero del Grifone”

DSC08084

Alcara Li Fusi – Si chiama “Il sentiero del Grifone” ed è destinato a diventare una delle principali attrazioni dell’area protetta. Stiamo parlando del nuovo percorso didattico inaugurato ieri, martedì 4 novembre, ad Alcara Li Fusi, nel Parco dei Nebrodi. Un’iniziativa finanziata da Banca Iccrea attraverso Federparchi Europarc Italia. Consegnati ad alcuni allievi l’attestato di “Custodi dei Grifoni del Parco”.

Riparte così il “Progetto Grifone”. Oltre al sentiero, il pacchetto di azioni 2014 prevedeva ulteriori monitoraggi della popolazione e delle nidificazioni, la realizzazione di un nuovo carnaio e un servizio di video sorveglianza h24 collegato con la sede del Parco dei Nebrodi e con il sito internet dell’Ente. La telecamera, ad altissima definizione, è stata infatti collocata a poca distanza dal nido di un grifone, sulle Rocche del Crasto, il massiccio montuoso che sovrasta il paese di Alcara Li Fusi. Si tratta della prima esperienza di questo tipo in Italia su grifoni. Le immagini saranno rilanciate per mezzo di un’antenna e dal centro-visite di Alcara Li Fusi i visitatori potranno vedere su un monitor cosa sta accadendo nel nido. Immagini che serviranno anche per studi etologici e scientifici.

Insieme al presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci, hanno presenziato al taglio del nastro del “Sentiero del Grifone” il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri e il presidente di Iccrea Banca (l’Istituto centrale del Credito cooperativo) Francesco Carri. «Attraverso Federparchi – ha detto Carri – Iccrea da oltre due anni promuove il turismo nelle aree protette italiane attraverso particolari vantaggi e sconti destinati ai membri del Club CartaBCC e finanziando la salvaguardia della biodiversità. Un impegno a sostegno della tutela dell’ambiente che l’Istituto ha intrapreso e sta portando avanti con coerenza, a partire dai parchi che hanno sviluppato la prima fase del processo della Carta del turismo sostenibile. Questa iniziativa in Sicilia, in un territorio stupendo che già conoscevo, è davvero interessante perché mette insieme i due aspetti principali di un parco: la fruizione e la tutela».  

«Di fatto – sono parole, invece, del presidente di Federparchi Giampiero Sammuri – le aree protette raffigurano una grande “banca” in cui beni comuni quali il territorio, l’acqua, la biodiversità, indispensabili alla vita come all’economia, si generano e rigenerano. E finiscono per acquistare un formidabile valore economico. Da qui la naturale prossimità delle Bcc (banche cooperative, locali, che peraltro si impegnano nei propri statuti a favorire la crescita responsabile e sostenibile dei territori dove operano) al tema della tutela ambientale e della valorizzazione delle aree geografiche protette, nella volontà di definire sinergie di sviluppo economico, sociale ed occupazionale. Per questo ringrazio Iccrea da un lato e il Parco dei Nebrodi per l’uso che è stato fatto del finanziamento e per l’accoglienza»

Infine il commento del presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci: «Grazie alla sinergia con la Federparchi e la Iccrea Banca si è riusciti a sostenere  un progetto che con l’arrivo anche quest’anno di diciotto nuovi grifoncini ha portato la colonia a circa cento esemplari, raggiungendo dunque risultati importanti. Non a caso il progetto dei Grifoni dei Nebrodi è ormai considerata tra le migliori pratiche europee e vede premiato il lavoro e lo sforzo che l’Ente ha compiuto in oltre un decennio».

Per la cronaca, tutti i lavori di installazione dell’impianto sono stati eseguiti nel periodo di inizio autunno per evitare il benché minimo disturbo alla nidificazione. Il periodo di riproduzione di questi animali, infatti, si conclude tra luglio e agosto, con  l’involo del giovane, per poi iniziare tra gennaio e febbraio con la deposizione dell’uovo. Nella giornata di ieri è stata anche illustrata la relazione con i risultati dei monitoraggi effettuati sul campo e di tutte le azioni svolte.

Presenti alcune classi delle scuole di Alcara Li Fusi, di Militello e di Sant’Agata Militello dell’Istituto Compresivo “G. Marconi”. Durante l’inaugurazione alcuni allievi, dopo un’attività formativa realizzata in classe insieme ai docenti ed esperti del Parco nei giorni scorsi, hanno presentato agli altri ragazzi il progetto del Grifone dei Nebrodi. A questi studenti sono stati consegnati degli attestati di “Custodi dei Grifoni del Parco”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close