Tiger Hint

Scaffidi orgoglio Due Torri, buona Tiger, Orlandina a picco

Tiger Hint

Piraino – Una vittoria, un pareggio e una sconfitta il bottino delle messinesi impegnate nell’ottavo turno del Girone I di Serie D. La Tiger impone il pari all’Hinterreggio, il Due Torri supera in trasferta il Noto mentre l’Orlandina si arrende tra le mura amiche al Rende.

Sul neutro del “Vasi” di Piraino, grande attesa da parte della Tiger Brolo per l’arrivo della vice-capolista Hinterreggio. I gialloneri di mister Santino Bellinvia perdono per infortunio Sparacello ma ritrovano Calabrese dal 1′ e si affidano alla vecchia guardia per affrontare i reggini, vera rivelazione di questo torneo. Mister Francesco Ferraro schiera i suoi con 4-3-1-2 molto mobile, in cui Corso e Lavrendi sono i veri fari. Arbitra il match il signor Ramy Ibrahim Kamal Jouness della sezione di Torino, coadiuvato dagli assistenti Amato di Catania e Gerbino di Acireale.

In avvio le due squadre si studiano. Qualche scaramuccia si intravede con un paio di conclusioni da fuori firmate Calabrese per i locali e Forgione per gli ospiti: Parisi e D’Alessandro dormono sonni tranquilli. Primo pericolo vero è il tentativo di De Marco che dal limite spara alto al 20′. Stessa sorte ha il tiro di D’Emanuele poco più tardi. Proprio D’Emanuele, al 37′, ha sul sinistro il pallone del vantaggio. Cross dalla di Bica Badan, Papasidero prolunga e l’esterno giallonero, da una decina di metri, manda oltre la trasversale di pochissimo. Il primo tempo scivola via con poche opportunità da rete, nonostante lo spettacolo sia gradevole e i ritmi alti. 0-0 all’intervallo.

Nella ripresa, il leitmotiv del match non muta. L’Hinterreggio denota una straordinaria proprietà di palleggio in mezzo al campo ma poca incisività negli ultimi sedici metri. La Tiger è tatticamente impeccabile, si difende con ordine e in contropiede fa male ai calabresi. Al 47′, sugli sviluppi di un corner, Lupo trova solissimo in area di rigore Falanca. Il centrale dei brolesi, da pochi passi, centra in pieno il montante a Parisi battuto, per la disperazione del pubblico di fede giallonera. L’incontro è vibrante, le due squadre in campo regalano grandi giocate nonostante la latitanza in zona gol. Al 69′, doppia opportunità per i “tigrotti”. Prima Zingales, con una bordata di controbalzo, impegna severamente Parisi che mette in angolo. Sul successivo tiro dalla bandierina, l’inzuccata di Calabrese servito ancora da Lupo non trova la porta. Nel finale le due formazioni si sfidano senza esclusioni di colpi ma nessuno trova il guizzo vincente. Tiger-Hinterreggio finisce così a rete inviolate, ma con il pubblico che applaude la bella gara disputata da tutti i calciatori scesi sul rettangolo di gioco.

A Palazzolo Acreide, intanto, il Due Torri di mister Venuto torna al successo superando il fanalino di coda Noto nonostante le tante defezioni in rosa. Sono proprio i biancorossi a portarsi in vantaggio grazie alla rete del centravanti Puntoriere. Il pareggio del Noto arriva con il mediano Caci, che realizza addirittura il primo gol stagionale per la formazione netina. Il Due Torri non ci sta e nella ripresa trova con merito il gol con il prodotto di casa Scaffidi Argentina, che regala tre fondamentali punti ai suoi. Tra i biancorossi, espulso per doppia ammonizione Puntoriere, il Noto finisce invece in otto uomini il match.

Chiudiamo con l’Orlandina di mister Alacqua, che al “Ciccino Micale” di Capo d’Orlando cede il passo al Rende. I biancorossi passano intorno al 20′ con Ruffo, che sfrutta una bella triangolazione sulla fascia e si fa trovare pronto nel battere Pandolfo. I paladini restano in inferiorità numerica causa cartellino rosso sventolato a Mincica e all’81’ subiscono anche lo 0-2 di Fiore, frutto di un calcio di punizione a due in area nato da un incomprensione tra l’estremo difensore biancoazzurro e Takyi. Alla luce di questi risultati, la Tiger Brolo rimane a metà classifica a quota 11 punti, due lunghezze in più del Due Torri che resta nella zona calda della graduatoria ma con rinnovato entusiasmo. A picco l’Orlandina, penultima e con una situazione tecnica e ambientale ancora tutta da decifrare.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close