Città di Messina

Milazzo sfortunato, Igea e Città di Messina battute

Città di Messina

Messina – Domenica da dimenticare per le formazioni messinesi impegnate nel Girone B di Eccellenza. Il sesto turno di campionato regala solo un pari alle compagini del comprensorio, quello interno del Milazzo contro il Siracusa, e due sconfitte esterne di misura, con l’Igea che si ferma a Giarre e il Città di Messina che finisce ko a Viagrande.

Al “Grotta Polifemo” di Milazzo va in scena il big match tra i mamertini padroni di casa e il Siracusa dell’ex Catania Giuseppe Mascara. A fare la voce grossa durante i 90′ sono soprattutto i padroni di casa, che nel primo tempo vanno vicini al gol più volte con Dama. Il bomber ex Orlandina in ben tre circostanze impegna severamente Vitale con delle inzuccate più che pericolose ma l’estremo difensore aretuseo è sempre strepitoso e si rivela insuperabile per gli avanti rossoblù. La ripresa vede i siracusani più in palla. Mascara mette fuori in pallonetto dopo aver superato Di Dio. Poco dopo, il portiere milazzese è prodigioso nel negare il gol a Panatteri, liberissimo a pochi metri dalla linea di porta. Nel finale, D’Anna e ancora Dama sfiorano la rete della vittoria milazzese che però non arriva. Tra Milazzo e Siracusa termina dunque a reti inviolate.

Battuta di misura la capolista Igea, superata per 1-0 lontano dal “D’Alcontres”. Ad infliggere la prima sconfitta in campionato ai giallorossi di mister La Spada è il Giarre che, tra le mura amiche, abbatte i barcellonesi con un gol all’80’ firmato da Sottile dopo che gli ospiti, nella prima frazione di gioco, avevano sprecato più volte il pallone del vantaggio. Il ko non compromette comunque il cammino dell’Igea Virtus Barcellona, ancora in testa al campionato di Eccellenza B con 13 punti in classifica, primato adesso da condividere con lo Scordia.

Chiudiamo con il match dai due volti tra Viagrande e Città di Messina. Il primo tempo dell’incontro è un vero incubo per i messinesi dei mister D’Alessandro e D’Andrea. I catanesi sono incontenibili sin dalle prime battute e al 9′ passano con un’azione personale di Carbonaro che beffa Trovato. Gli ospiti reagiscono con Cariolo ma è ancora il Viagrande a trovare la via del gol con Scapellato, abile ad infilare ancora l’estremo difensore giallorosso dopo aver eluso l’intervento di un paio di avversari. Al 33′ la gara sembra chiusa dopo la rete del 3-0 siglata da Basile. Per finire in bellezza un primo tempo orrendo, il Città di Messina resta in dieci uomini per l’espulsione di Fragapane al 40′. Tutto appare compromesso ma nel secondo tempo c’è la reazione messinese che non ti aspetti. Al 50′ il Città di Messina trova il punto del 3-1 con Cariolo, ottimamente assistito da La Rocca. Al 64′, quindi, è lo stesso La Rocca a fare secco Colonna con una zampata dopo una punizione di Trovato. Nel finale il Città ci prova ma non riesce nell’impresa di acciuffare un pari che avrebbe avuto del miracoloso ma che comunque sarebbe stato meritato. Viagrande batte così Città di Messina 3-2, i giallorossi restano fermi a quota 6 punti in graduatoria dopo altrettante gare disputate.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close