scurria-legge-discorso

“Vicari rinunci alla delega rifiuti per rapporti lavorativi tra sua madre e la Multiecoplast”

scurria-legge-discorso
Sant’Agata Militello –
In un comunicato stampa, che riportiamo integralmente di seguito, il presidente del consiglio comunale Antonio Scurria, chiede che l’Assessore all’ambiente e rifiuti Marco Vicari di riflettere sull’opportunità di rinunciare alla delega ed al sindaco Sottile, eventualmente, di revocarla. questo perché, secondo Scurria, i rapporti lavorativi tra la madre dell’assessore Vicare e la Multiecoplast “potrebbero ingenerare confusione, fraintendimenti, discussioni o, al peggio, alimentare anche solo il minimo dubbio nell’opinione pubblica che chi è investito di una carica istituzionale abbia comunque un qualsivoglia condizionamento o limitazione, seppure solo potenziale o ipotetico, nell’adozione delle scelte politico – amministrative dell’Ente, secondo i principi di cui all’art. 97 della Costituzione”.

Di seguito il comunicato stampa integrale:

Da commenti effettuati su un noto “social network” dall’assessore del Comune di Sant’Agata Militello con delega in materia di ambiente e rifiuti, Marco Vicari, si apprende, per esplicita ammissione dello stesso, che la ditta Multiecoplast srl, che da oltre un anno svolge per conto del Comune di Sant’Agata Militello il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti, intrattiene legittimi rapporti commerciali con un’attività imprenditoriale della madre dello stesso assessore.

Pertanto, al di là delle ragioni o della liceità dei comportamenti di ognuno, questione non in discussione, resta il fatto che intercorre un rapporto commerciale tra la società Multiecoplast srl, alla quale dall’01.10.2013 sono affidati servizi pubblici, mediante ordinanza sindacale contingibile ed urgente, per un importo di quasi tre milioni di euro, ed un congiunto (la madre) dell’assessore comunale con delega alla materia in argomento.
Pregressa o meno che sia la convenzione con la “Esso” rispetto al cambio di gestione, rimane il fatto incontestato che il rapporto esiste.

Senza effettuare alcuna censura o accusa alla Multiecoplast srl ed alla ditta della madre dell’assessore o alla “Esso”, nei confronti delle quali mi astengo dal fare qualsiasi valutazione, dal punto di vista esclusivamente politico mi pongo, però, un problema di opportunità in ordine ad un potenziale conflitto di interessi dell’assessore comunale nell’assumere decisioni e scelte per conto della P.A. che potrebbero incidere in qualunque modo su un soggetto/società con cui la madre dello stesso intrattiene, direttamente o indirettamente, legittimi rapporti d’affari.

Alla luce di quanto precede, la questione che si pone, e su cui riflettere, non è relativa all’approvvigionamento di carburante presso la stazione di servizio “Esso” da parte della Multiecoplast srl, ma consiste nel detenere da parte dell’assessore Vicari una delega che, per le ragioni esposte, può ingenerare confusione, fraintendimenti, discussioni o, al peggio, alimentare anche solo il minimo dubbio nell’opinione pubblica che chi è investito di una carica istituzionale abbia comunque un qualsivoglia condizionamento o limitazione, seppure solo potenziale o ipotetico, nell’adozione delle scelte politico – amministrative dell’Ente, secondo i principi di cui all’art. 97 della Costituzione.
Ritengo, inoltre, che chiunque rivesta una carica pubblica debba non solo essere, ma anche apparire indipendente, terzo ed imparziale.

Dunque, in funzione di quest’ultimo principio l’assessore Vicari farebbe bene a valutare di rinunciare alla delega in materia di ambiente e rifiuti, così come il sindaco Sottile farebbe bene a valutare, in assoluta autonomia, di revocare detta delega.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close