DSCN1896

Teatro tra ironia e realtà

DSCN1896

Mirto – Una vigilia ricca di appuntamenti quella appena trascorsa nel Comune di Mirto, per i festeggiamenti di S. Tecla. Nel pomeriggio, presso la Chiesa Madre, è stata celebrata la Santa Messa da Padre Salvatore Chiacchiera e in seguito si è svolta la Processione per le vie del paese con la Reliquia di S. Tecla. Il rito sacro è stato accompagnato dalla musica del Corpo Bandistico “Happiness”, che ha suonato diverse marce sinfoniche.

In serata ha riscosso grande successo lo spettacolo teatrale, tenutosi in Piazza Vittorio Emanuele. L’Associazione Culturale “Genio’s” ha rappresentato “Camurriusa, capricciusa, piducchiusa”, una Commedia brillante in due atti di Calogero Maurici e con la regia di Cettina Arcodia. La serata è stata condizionata sul finale da un forte temporale, il quale non ha permesso la conclusione della rappresentazione; comunque la Compagnia teatrale ha ricevuto tanti applausi e la Commedia ha fatto registrare una nutrita presenza di pubblico.

La recita ha viaggiato su un doppio binario, realtà e ironia. Infatti è stato proposto un tema, con cui ci si trova di fronte nella realtà di tutti i giorni, anche se trattato con tono ironico: la mancanza di lavoro e le difficoltà economiche attraversate da una famiglia. Questa situazione costringe i due protagonisti a lasciare la propria casa e a trasferirsi in un’abitazione messa a disposizione dalla suocera. E la figura chiave di tutta la Commedia è stata proprio la suocera invadente ed asfissiante, la quale toglie ai due personaggi principali (la figlia e il genero sposi da tempo) la libertà e l’intimità che una coppia normale deve avere. Nel nuovo domicilio i due sposini devono convivere anche con diverse visite, che non permettono loro di stare tranquilli.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close