salp

Pagamento “Mutui fantasma”, Salpietro risponde al sindaco Ricciardello

salp

Brolo – Continua a Brolo il botta e risposta tra Ettore Salpietro, candidato a sindaco alle ultime elezioni amministrative e l’attuale primo cittadino Irene Ricciardello sui cosiddetti “mutui fantasma”. Dopo la risposta da parte della Ricciardello ad un primo comunicato dell’Associazione Politico-Culturale Kronos, di cui è presidente lo stesso Salpietro, è arrivata quasi immediata la controreplica di Salpietro. Di seguito il comunicato dell’associazione.

“Il nostro precedente concreto contributo sul tema “mutui fantasma”, prendeva le mosse dall’accorato annuncio del Sindaco Ricciardello del quale, in particolar modo, ci aveva colpito il passaggio “Dovrò andare, quanto prima, su richiesta degli stessi dirigenti della CDP, a Roma a MEDIARE, a trovare strade per DILAZIONARE il maltolto”. Passaggio chiaro e per iscritto. Abbiamo registrato con piacere il sostanziale cambio di passo successivo al nostro intervento, sorvolando del tutto su qualche, oramai consuetudinaria, reazione scomposta. Oggi registriamo con ancora maggior soddisfazione il fatto che alcune delle tesi da Noi esposte sin dalla campagna elettorale, sembrerebbero confermate anche dal neo Segretario Comunale, la Dott. Carmela STANCAMPIANO, la quale avrebbe chiarito alla stampa che, “il passaggio in consiglio comunale per la richiesta dei mutui, si deve fare, solo quando lo stesso mutuo, precedentemente non è stato inserito in bilancio”. Orbene, per quanto a nostra conoscenza, i mutui incriminati non sarebbero stati iscritti a Bilancio e comunque non nelle forme canoniche, ne, durante l’ultima campagna elettorale alcuno dei consiglieri (di maggioranza e minoranza) ha dichiarato che vi era stato un’approvazione consiliare dei mutui fantasma e relativi importi. Il Sindaco, che a quel tempo era anche Consigliere Comunale, aiuterebbe a far chiarezza se potesse dire alla cittadinanza quali dei mutui cosidetti fantasma e relativi importi sono stati approvati dal consiglio comunale (inseriti nel bilancio o separatamente) e quali non hanno avuto l’approvazione del consiglio comunale. Ribadiamo il precedente invito ad approfondire la questione sino ad ottenere, se fosse il caso, la pronuncia di un giudice che stabilisca che la restituzione non può gravare a carico del Bilancio collettivo ma solo di quello personale dei responsabili del malfatto.

Ettore Salpietro – Presidente Associazione Politico-Culturale Kronos

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close