consiglio mirto 02

Consiglio Comunale approva IUC, TARI e IMU

consiglio mirto 02
Mirto
– Si è svolta ieri mattina, presso la Sala Consiliare del Comune, la Riunione del Consiglio Comunale di Mirto. E’ stata una Seduta convulsa, molto concitata e ricca di argomenti da discutere. Tra i punti all’ordine del giorno sono stati approvati il Piano Finanziario Consuntivo del Servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani, il Regolamento per la disciplina della I.U.C. (Imposta Unica Comunale), le tariffe della TARI (Tassa sui rifiuti) e la conferma dell’I.M.U. (Imposta Municipale Unica). Non è invece passato il provvedimento riguardante l’applicazione delle aliquote per la TASI (Tassa sui servizi indivisibili). Sono stati rinviati l’Approvazione del Regolamento per l’alienazione del patrimonio immobiliare e le modalità di accesso al Fondo Squilibri Finanziari.

Partiamo dal primo punto analizzato in Consiglio. Tutti i 10 Consiglieri presenti si sono espressi favorevolmente sull’applicazione del Piano Finanziario Consuntivo del Servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani, riferito all’anno 2013. Rispetto agli anni precedenti, in cui era presente l’ATO, i cambiamenti sono tanti. L’Assessore al Bilancio e Vice Sindaco Massimo Calà ha spiegato la differenza rispetto alla gestione dell’ATO e afferma: “L’ATO doveva garantire un servizio riferito a 33 Comuni, quindi aveva un piano di raccolta diverso, rispetto alla gestione comunale. Con il passaggio al singolo Comune l’aumento è stato normale. Il Sindaco Giuseppe Lanaro ha aggiunto: “E’ stata sicuramente una scelta difficile, ma siamo stati costretti dalla possibile emergenza sanitaria che poteva crearsi“.

In seguito è stato approvato sempre con tutti i voti favorevoli il Regolamento per la disciplina della I.U.C., un tributo comprendente tre diverse tasse: I.M.U., TARI e TASI. Il Consiglio, prima della verifica dell’intera proposta, ha votato favorevolmente anche su due emendamenti riferiti agli Articoli 15 e 57, presentati rispettivamente dal Presidente del Consiglio Salvatore Sgrò e dal Consigliere di minoranza Niccolò Percacciolo. Le due modifiche riguardano l’I.M.U. e precisamente il comodato d’uso gratuito limitatamente alla rendita catastale, non eccedente il valore di 500 euro e l’esenzione dal tributo per le abitazioni di uso stagionale o discontinuo.

consiglio mirto

Riguardo alla TARI sono state confermate le tariffe, già applicate per l’anno 2013. Il tributo viene suddiviso in tre rate da pagare il 10 Ottobre, il 10 Novembre e il 10 Dicembre e viene previsto un conguaglio per il mese di Gennaio 2015. Non ci sono grandi differenze per le monoutenze, invece si prevedono riduzioni per gli altri nuclei con due o più utenti. L’I.M.U. mantiene per l’anno 2014 le tariffe dello scorso anno. Entrambe queste proposte sono state approvate con il parere favorevole di tutti i Consiglieri.

Invece non è passata l’approvazione della TASI, la tassa sui servizi indivisibili. Infatti la votazione scaturita dopo un’accesa discussione è stata le seguente: 3 voti favorevoli, 3 contrari e 4 astenuti. In precedenza il Capogruppo di maggioranza Fabio Barbagiovanni Cirnera aveva proposto l’esenzione di questo tributo sulla prima casa, ma ha ottenuto solo 2 voti favorevoli e quindi il suo emendamento è stato bocciato.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close