Brolo1

Primi sequestri di beni per i “mutui fantasma”. Ad Arasi più 700mila euro

Brolo1
Brolo – 
I carabinieri della sezione di Polizia Giudiziaria, su provvedimento emesso dal Gip di Patti Ines Rigoli, hanno sequestrato beni per un valore di 1.148.000 euro, nei confronti degli indagati nella vicenda “mutui fantasma”. Più di 700mila euro sono stati sequestrati al principale accusato, il ragioniere capo Carmelo Arasi, ancora in carcere. Quattro conti correnti bancari, un libretto postale ordinario, cinque buoni fruttiferi postali. sembra che alcuni conti erano cointestati con la moglie Ermelinda Scaffidi ed altri congiunti e sotto sequestro sono finite anche due carte di credito. Pare che siano state sequestrate anche le quote di proprietà degli immobili del ragioniere in via Libertà a Brolo.

Sequestrati 50.000 euro alla figlia del ragioniere, Rossella Arasi. 54.000 euro sono stati messi sotto chiave all’ex sindaco Salvo Messina, dei quali 30.000 pare fossero la quota riferita ai contributi cointestati a beneficio delle società sportive guidate dallo stesso ex sindaco o dalla moglie Enza Rifici.

43.000 euro sono stati sequestrati ad Antonella Campo, 174.000 a Santina Caranna e 87.000 euro per Giusy Di Leo, una buona parte dei quali riferita ad un terreno. Per gli indagati non arrestati il Gip ha disposto il sequestro di 22.000 euro dal conto corrente dell’economa comunale Francesca Mondello e di 2.311 euro da quello dell’ex vice sindaco Carmelo Gentile al quale il giudice ha revocato il divieto di dimora a Brolo dopo l’interrogatorio di garanzia.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close