Blues_Salerno_Porcaro

Festival Blues inaugurato da Umberto Porcaro e Alessandra Salerno

Blues_Salerno_PorcaroL’area pedonale di Capo d’Orlando è diventata per due giorni un vero blues village: è partita ufficialmente ieri sera, con l’orlandino Marco Corrao, la 21ª edizione del “Capo d’Orlando Blues Festival”.
Le ottime birre artigianali dei Nebrodi, gli stand espositivi riguardanti i libri, le cygar box guitar, i prodotti dell’artigianato e del riuso hanno accompagnato gli appassionati in un viaggio attraverso la musica blues, che ieri sera ha visto protagonista il duo formato dai palermitani Umberto Porcaro e Alessandra Salerno. Per Porcaro, bluesman 35enne di grande esperienza, voce intensa e graffiante, un fraseggio alla chitarra pungente e pirotecnico, era la quarta partecipazione al Festival Blues paladino.
Il musicista, considerato uno dei maggiori talenti blues in Italia nonostante la giovane età, ha anche fatto esperienze negli Stati Uniti, dove ha condiviso il palco con artisti come B.B. King, Buddy Guy o Robben Ford.
Da due anni Porcaro collabora con Alessandra Salerno, talentuosa artista poliedrica e definita la voce nera più calda della Sicilia. La coppia Porcaro-Salerno, che ha abbracciato uno stile nato dalle contaminazioni musicali di entrambi gli artisti (country, soul, blues, jazz, R&B) pubblicherà ad ottobre il primo disco, frutto della collaborazione tra i due.
Blues_Porcaro_Salerno

Li abbiamo sentiti prima della loro esibizione sul palco del “Capo d’Orlando Blues”: «Per me è sempre un piacere tornare a Capo d’Orlando – esordisce Umberto Porcaro -, ritrovo tanti amici e sono affezionato al Festival.»
– Il blues è un genere musicale che ha le sue radici negli USA, hai sentito la necessità di “emigrare”, di andare a toccare con mano la realtà americana? Come è stata la tua esperienza negli States?
«Andare negli Stati Uniti è stata un’esperienza importantissima, ho avuto la possibilità di misurarmi e di suonare con gente di cui avevo ascoltato i dischi e di cui avevo letto sui libri. Però c’è da dire che viviamo in un periodo in cui anche negli USA si sta vivendo un periodo difficile, e credo che l’Italia e la Sicilia in particolare siano i posti in cui si suona di più nel mondo.»
– B.B. King ha detto “Il blues non morirà mai perché in ogni angolo della terra c’è un bimbo come Umberto Porcaro che ama una musica che è semplice e di conseguenza immortale”.
«Il complimento mi riempie di orgoglio, B.B. King rappresenta la storia di questo genere musicale. È vero che il blues è immortale, perché è un genere musicale che racconta di storie di vita. È come se ci fosse un passaggio di testimone tra i più grandi e i più giovani. È una musica legata allo stato d’animo dell’artista, per questo riesce sempre ad emozionare.»
– Parlano di te come “il futuro del blues”, vedono in te uno stile innovativo rispetto al blues classico, che ne pensi?
«Mi lusinga che si dica questo di me, ma in realtà non ho scoperto l’acqua calda, mi piace unire generi diversi, una serie di stili che ho sempre ascoltato e mi appassionano. Cerco sempre di essere riconoscibile, di rendere mio quello che faccio e cerco sempre nuove sonorità, da qui è nata la collaborazione con Alessandra Salerno. Quando l’ho sentita sono rimasto folgorato dalla sua voce, ho cercato una collaborazione con lei, che è arrivata due anni fa e culminerà in un disco che uscirà ad ottobre.»

Alessandra Salerno ci ha parlato della sua collaborazione con Porcaro:
«Quando due anime musicali si incontrano e si sposano è sempre una bellissima esperienza, siamo riusciti ad unire due mondi musicali in poco tempo ed abbiamo imparato l’uno dall’altro. Insieme siamo cresciuti tanto, siamo ormai una coppia artistica affiatata, io prima facevo un po’ di tutto, mi piaceva il jazz, l’R&B, il soul, da quando suono con Umberto mi sono concentrata più sul blues e insieme siamo una vera forza».

Questa sera il Festival sarà ancora sull’isola pedonale del centro, protagonisti saranno gli Acoustic Soul & Carl Wilson e Fabrizio Canale.
Domani sera la rassegna Blues si sposterà a Villa Piccolo con gli artisti internazionali Virginia Brown and the Shameless e Phil Cody.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close