piraino

“Un’amministrazione allo sbando”

piraino

Piraino – Un’amministrazione ipocrita, arrogante e immobile. Queste, in sintesi,  le  caratteristiche presentate nel comunicato diramato dal gruppo di minoranza pirainese “Nuova Piraino”. I consiglieri Ruggeri, Campisi, Repici e Spanò Bascio affondano il colpo e delineano alcune condotte di comportamento “scorrette” dell’attuale amministrazione guidata dal sindaco Gina Maniaci. “Che tristezza… l’ultimo comunicato dell’amministrazione comunale di Piraino, nel quale partendo dalla pericolosità dell’autostrada A20 si prende spunto per farsi credere operativi; è davvero inaccettabile – Scrivono i Consiglieri di Nuova Piraino – Vedere sui mezzi d’informazione gli atteggiamenti e le dichiarazioni d’intenti della nostra Amministrazione strumentalmente legate a giovani vite spezzate e toccate da una sorte beffarda, che hanno fatto piangere intere comunità non è ne’ edificante, ne’ tanto meno rispettoso della loro memoria e per altro non è neppure la prima volta che questo accade: ci riferiamo al comunicato stampa fatto dall’amministrazione per la festa del 1° maggio in seguito al quale veniva annunciato l’annullamento di una manifestazione mai programmata e di cui nessuno era a conoscenza.   L’ipocrisia è uno degli atteggiamenti peggiori che vi possano essere, fa venir meno il rispetto delle persone che deve sempre e comunque essere anteposto agli interessi di bottega”. E ancora i quattro consiglieri descrivono la condotta adottata durante il consiglio comunale dagli ormai pochi fedelissimi (??) rimasti al seguito dell’Amministrazione: “Ci preme anche sottolineare l’atteggiamento arrogante e irrispettoso che Sindaco e Giunta tengono nei confronti del Consiglio Comunale, organo rappresentativo della volontà popolare che i cittadini hanno eletto e votato – Continuano i quattro conisglieri – Il balletto che i consiglieri rimasti vicini all’amministrazione hanno messo in scena, durante gli ultimi Consigli Comunali (quell’entrare e uscire incomprensibile e patetico!), è segno che le questioni affrontate e discusse in seno all’organo Consiliare, che interessano la nostra Comunità, come il Piano Regolatore, le iniziative per consentire e migliorare l’accesso al mare nella frazione di Zappardino, la sistemazione e la mancata manutenzione dei giochi per bambini nelle aree pubbliche pirainesi, la mancata risposta ai cittadini sulle petizioni popolari riguardanti la revoca della delibera con cui si è chiesta la nuova perimetrazione delle farmacie e la riapertura della strada di Gliaca-Calami-Guardiola, poco importano e su di esse nulla si ha da dire. Anziché sforzarsi di trovare punti d’intesa e momenti di confronto con tutti i gruppi consiliari questa amministrazione ha scelto l’autoreferenzialità e l’aventino su ogni argomento a Lei poco gradito.  Abbandonare i lavori del Consiglio Comunale non è una bella immagine e certamente non è educativo per la nostra Comunità. Avete fatto toccare il fondo al nostro Paese!!!  Se il Sindaco e gli Assessori pensano di venire in Consiglio Comunale a dire quello che vogliono sulle cose che più li aggradano, per poi allontanarsi e non rispondere alle istanze dei consiglieri facciano pure. E’ un comportamento che li qualifica“. E sul finale arriva il colpo più profondo, un’allusione, neanche tanto velata, alla diretta proporzione tra parenti dell’attuale esecutivo e recenti assunzioni avvenute in aziende che collaborano braccio a braccio con l’amministrazione. “Vogliamo pensare – scrivono Maurizio Ruggeri e compagni – sia solo una casualità che diversi parenti di amministratori abbiano trovato sistemazione nelle aziende che forniscono servizi in convenzione con il Comune o in altri Enti da quest’ultimo partecipate. Non potremmo sopportare l’idea che sia questa l’unica cosa di cui sono stati capaci fino ad ora”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close