Tir Messina

Tir a Messina, in campo anche D’Uva

Tir Messina

Messina – Tir in giro per Messina? No, grazie. Questo il messaggio del Movimento 5 Stelle e in particolare di due suoi deputati, Francesco D’Uva e Valentina Zafarana, pronti a sostenere e appoggiare le iniziative intraprese dal Sindaco di Messina, Renato Accorinti, sulla delicata questione dell’orario estivo della Cartour dei Franza, con conseguente sbarco dei tir in città in fasce diurne.

«Piena condivisione delle iniziative intraprese dal Sindaco di Messina, Renato Accorinti, sulla questione Cartour e Tir in città», le parole del deputato nazionale del M5S Francesco D’Uva e dalla deputata regionale Valentina Zafarana in merito alla diatriba sorta in seno alla città dello Stretto sulla delicata questione dello sbarco dei mezzi pesanti, in pieno centro città, durante il periodo estivo.

«Ci vuole davvero un grande esercizio di fede – continuano i deputati – per credere che una società come la Cartour non sia in grado di trovare soluzioni strategiche alternative. La realtà che si sta palesando è ben diversa: totale mancanza di disponibilità nel ricercare il bene comune se questo vuol dire scalfire, anche in minima parte, il proprio interesse personale, alimentato e foraggiato per anni sulla pelle di una città. E se così deve essere, bene fa il Sindaco a non fare un passo indietro, difendendo una scelta che, pur se non risolutiva (ben altre e più numerose sono le strategie da portare avanti per eliminare il problema definitivamente), è di certo un primo importante tassello».

«Minacciare licenziamenti qualora l’amministrazione non avalli le necessità di mercato di Cartour – aggiungono – altro non è che un mero ricatto occupazionale che proviene da una cultura imprenditoriale neoliberista che considera i lavoratori come merce di scambio piuttosto che come persone, e il lavoro come un favore, da ripagare con sacrifici, lacrime e sangue, anziché come un diritto».

Alla luce di tutto questo, D’Uva e Zafarana hanno dunque concluso che qualora il Sindaco Accorinti decidesse di portare la sua battaglie nelle sedi regionali e/o nazionali, troverebbe in loro piena disponibilità e appoggio. Intanto, nella città dello Stretto sarà protesta ad oltranza fino al 19 luglio. Tutti in strada, un solo slogan: “Messina non è dei Franza, è dei messinesi”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close